Emersione 2009, l’inosservanza di decreto di espulsione non è più reato, quindi non è più ostativa alla regolarizzazione

TAR Sicilia, sezione quarta, sent. n. 1943/2014 del 12/06/2014

Con il provvedimento del Questore … impugnato si è rigettata l’istanza di permesso di soggiorno presentata dal ricorrente, esclusivamente in quanto egli risultava condannato con sentenza del tribunale di Modica … per la violazione dell’articolo 14 comma 5 ter del decreto legislativo n.286/98.
172
La direttiva comunitaria 2008/115 ha prodotto l’abolizione del delitto di violazione dell’ordine del Questore di lasciare il territorio dello Stato, previsto dall’art. 14, comma 5 ter, d.lg. n. 286/1998 (punito con una pena edittale fino a quattro anni di reclusione e per il quale era previsto l’arresto obbligatorio) e ciò, a norma dell’art. 2 c.p., ha effetto retroattivo, facendo cessare l’esecuzione della condanna e i relativi effetti penali. Tale retroattività non può non riverberare i propri effetti sui provvedimenti amministrativi negativi dell’emersione del lavoro irregolare, adottati sul presupposto della condanna per un fatto che non è più previsto come reato ( Ad. Plen. C.S. n. 8/2011).

—-

 

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia

sezione staccata di Catania (Sezione Quarta)

ha pronunciato la presente

SENTENZA

sul ricorso numero di registro generale 3568 del 2010, proposto da Hichem Fegaira, rappresentato e difeso dall’avv. Italo Alia, con domicilio eletto presso Giuseppe Currao in Catania, via Giuseppe Verdi, 127;

contro

Ministero dell’Interno, rappresentato e difeso per legge dall’Avvocatura Distr.le dello Stato di Catania, domiciliata in Catania, via Vecchia Ognina, 149;

per l’annullamento

del Decreto n. 120/2010 Cat A. 12/Imm./10 emesso dalla Questura di Ragusa in data 20.10.2010 e notificato il 03.11.2010.

 

Visti il ricorso e i relativi allegati;

Visto l’atto di costituzione in giudizio del Ministero dell’Interno;

Vista l’ordinanza n. 84/2011, confermata in appello, con cui si è accolta la domanda di sospensiva proposta dal ricorrente;

Visti tutti gli atti della causa;

Relatore nell’udienza pubblica del giorno 12 giugno 2014 il dott. Cosimo Di Paola e uditi per le parti i difensori come specificato nel verbale;

 

considerato:

-) che con il provvedimento del Questore della provincia di Ragusa impugnato si è rigettata l’istanza di permesso di soggiorno presentata dal ricorrente, esclusivamente in quanto egli risultava condannato con sentenza del tribunale di Modica dell’1/6/2007 per la violazione dell’articolo 14 comma 5 ter. del decreto legislativo n.286/98;

-)la direttiva comunitaria 2008/115 ha prodotto l’abolizione del delitto di violazione dell’ordine del Questore di lasciare il territorio dello Stato, previsto dall’art. 14, comma 5 ter, d.lg. n. 286/1998 (punito con una pena edittale fino a quattro anni di reclusione e per il quale era previsto l’arresto obbligatorio) e ciò, a norma dell’art. 2 c.p., ha effetto retroattivo, facendo cessare l’esecuzione della condanna e i relativi effetti penali. Tale retroattività non può non riverberare i propri effetti sui provvedimenti amministrativi negativi dell’emersione del lavoro irregolare, adottati sul presupposto della condanna per un fatto che non è più previsto come reato ( Ad. Plen. C.S. n. 8/2011);

-) il ricorso è pertanto fondato e va accolto, col conseguente annullamento del provvedimento impugnato;

-) si ravvisano, tuttavia, valide ragioni per compensare le spese del giudizio, fermo restando quelle già liquidate nella fase cautelare.

P.Q.M.

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia sezione staccata di Catania (Sezione Quarta) accoglie il ricorso in epigrafe.

Compensa le spese, con la precisazione di cui motivazione.

Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall’autorità amministrativa.

Così deciso in Catania nella camera di consiglio del giorno 12 giugno 2014 con l’intervento dei magistrati:

Cosimo Di Paola, Presidente, Estensore

Pancrazio Maria Savasta, Consigliere

Francesco Bruno, Consigliere

IL PRESIDENTE, ESTENSORE

DEPOSITATA IN SEGRETERIA

Il 07/07/2014

IL SEGRETARIO

(Art. 89, co. 3, cod. proc. amm.)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...