DE-GIURISDIZIONALIZZAZIONE/1 – TRASFERIMENTO IN ARBITRATO

Il DECRETO-LEGGE 12 settembre 2014, n. 132, attualmente non ancora convertito, prevede, fra le varie misure intese a ridurre il carico di contenzioso giudiziario attuale in sede civile (il nostro Paese è il più litigioso del mondo, questo è notorio), la possibilità di “trasportare” alcuni procedimenti civili, attualmente pendenti dinanzi ai Tribunali o alle Corti di Appello, presso la sede arbitrale.
Più precisamente, si tratta dei procedimenti che:
– non riguardano diritti indisponibili, nè lavoro o previdenza sociale
– non siano giunti alla fase decisoria da parte del giudice.

In tal caso, le parti propongono CONGIUNTAMENTE una istanza per promuovere il procedimento arbitrale (che si svolgerà poi secondo le norme apposite previste dal codice di procedura civile).
Se il trasferimento è possibile, il giudice trasmette il fascicolo al presidente del Consiglio dell’Ordine in cui ha sede il Tribunale o Corte di Appello, affinchè venga nominato il collegio arbitrale. Importante notare che, se nel frattempo sono sorte preclusioni o decadenze, esse non verranno sanate dal trasferimento (ad esempio, se non sono state dedotte delle prove nel termine dell’art. 183 cpc, non sarà possibile farlo in arbitrato).

arbitrato
Gli arbitri vengono scelti:
– su accordo delle parti o dal presidente del Consiglio dell’Ordine
– tra avvocati con almeno 3 anni di iscrizione all’albo degli avvocati di quel circondario, che non abbiano condanne disciplinari definitive, e purchè si siano resi disponibili all’incarico.

Il lodo arbitrale avrà valore ed effetti di sentenza.

Se il trasferimento avviene in grado di appello, il procedimento arbitrale deve concludersi entro 120 giorni, con il lodo, dall’accettazione della nomina del collegio arbitrale.
In caso contrario, si riassume il processo in Corte di Appello, entro il termine PERENTORIO di 60 giorni. Dopo la riassunzione, il lodo, pronunciato tardivamente, non ha alcuna efficacia.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...