Protezione sussidiaria – scontro armato interno quando si scontrano forze governative con gruppi armati o fra gruppi armati

Corte di Giustizia, sent. C-285/12 Diakité

Nel 2008 e nel 2010 un cittadino guineano, ha chiesto di poter beneficiare della protezione internazionale in Belgio, sostenendo di aver subito di atti di violenza nel suo paese a causa della sua partecipazione ai movimenti di protesta contro il potere insediato. Il riconoscimento della protezione sussidiaria gli veniva negato con il motivo che non vi era in Guinea un «conflitto armato interno» quale inteso nell’ambito del diritto internazionale umanitario. Il Conseil d’État del Belgio ha sollevato dinanzi alla Corte di giustizia la questione se la nozione di «conflitto armato interno», prevista dalla direttiva, debba essere interpretata autonomamente rispetto alla definizione accolta nel diritto internazionale umanitario.111111111
La Corte di giustizia nella causa C-285/12 Diakité ha affermato che la nozione di “conflitto armato interno» è propria della direttiva e non trova diretta rispondenza nel diritto internazionale umanitario e che il conflitto armato interno si ravvisa quando “le forze governative di uno Stato si scontrano con uno o più gruppi armati o allorquando due o più gruppi armati si scontrano tra loro, indipendentemente dall’intensità degli scontri, dal livello di organizzazione delle forze armate o dalla durata del conflitto”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...