Diniego di rinnovo, si deve considerare il possibile miglioramento lavorativo futuro grazie alla disponibilità del datore di lavoro

Diversamente da quanto affermato in giurisprudenza, la Questura e la Prefettura hanno operato una valutazione della capacità reddituale del ricorrente tutta rivolta al passato e non comprendente la sostanziale innovazione del quadro ricostruttivo derivante dalla disponibilità della società ad assumere il ricorrente in qualità di lavoratore dipendente.

TAR Toscana, Sezione Seconda, Sentenza n. 1613 del 26 novembre 2013

Con tutta evidenza, si trattava, quindi, di una sostanziale innovazione del rapporto lavorativo del ricorrente che doveva trovare autonoma considerazione, soprattutto con riferimento alle possibili modificazioni in positivo che tale modificazione poteva determinare su una capacità economica di mantenimento autonomo finora insufficiente a giustificare la permanenza in Italia del ricorrente.

Pertanto, è illegittimo il provvedimento di rifiuto del rinnovo del permesso di soggiorno per lavoro subordinato, assunto sulla base della carenza del requisito reddituale.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...