Abbandono abituale del posto di lavoro: sì al licenziamento in tronco

Il lavoratore che si rende colpevole di ripetute e prolungate assenze dal servizio durante l’orario di lavoro per fini ludici e di svago, merita il licenziamento in tronco.

Sentenza: Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 17.09.2013 n° 21203

Si evidenzia la gravità della condotta posta in essere dal lavoratore, il quale, rendendosi responsabile dell’addebito contestatogli, è venuto meno ai doveri di correttezza nell’esecuzione del rapporto.

Per di più, non trattandosi di un episodio isolato, ma di più episodi avvenuti in più riprese in un breve lasso di tempo, le modalità della condotta e la frequenza degli episodi contestati depongono per la mala fede del lavoratore, finendo in tal modo per ledere irrimediabilmente il necessario vincolo fiduciario del rapporto di lavoro.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...