Notifica a persona di famiglia valida anche se essa è convivente temporanea

Va ritenuta la ritualità della notifica ove l’agente postale abbia consegnato il plico a persona di famiglia, nella specie, coniuge separato, ove risulti la presenza consuetudinaria e non occasionale della stessa.

Sentenza: Cassazione civile , sez. I, sentenza 25.07.2013 n° 18085

La moglie del destinatario, anche se separata con pronuncia giudiziale con addebito al marito, è da ritenere persona di famiglia, posto che il rapporto di coniugio cessa solo con la pronuncia di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio e posto che l’affinità va equiparata al rapporto di parentela.

Con l’espressione “convivenza temporanea” ci si riferisce alla presenza non occasionale, ma caratterizzata da “un minimo di stabilità”, come tale idonea, nella ricorrenza dell’altro requisito della familiarità, a fondare la presunzione della sollecita consegna al destinatario.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...