Legge Severino: il Tar Lazio dice sì ad incandidabilità retroattiva

Sì alla incandidabilità retroattiva anche se, nel frattempo, è intervenuta estinzione del reato per buona condotta dell’imputato.

Sentenza: TAR Lazio-Roma, sez. II bis, sentenza 08.10.2013 n° 8696

Il caso vedeva un Consigliere comunale impugnare un atto di proclamazione degli eletti alla carica di componente dell’Assemblea di Roma capitale, per aver dichiarato l’incandidabilità del medesimo, derivante da una condanna definitiva ad una pena non inferiore a due anni di reclusione per un delitto non colposo, a favore di un’altra eletta.

L’incandidabilità non è un aspetto del trattamento sanzionatorio penale del reato, ma si traduce nel difetto di un requisito soggettivo per l’elettorato passivo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...