Revoca permesso di soggiorno per segnalazione Schengen: lo straniero ha diritto a conoscere i dati della segnalazione

E’ illegittimo il provvedimento di revoca del permesso di soggiorno, rilasciato a seguito di procedura di emersione ex legge n. 102 del 2009, motivato con riferimento alla esistenza di due segnalazioni nella banca-dati Schengen, rispettivamente, inserite dall’Ungheria e dalla Lituania.

Sentenza: TAR Lazio, Sezione Seconda Quater, Sentenza n. 7863 del 6 agosto 2013

Questo Tribunale ha più volte affermato in precedenti occasioni che l’amministrazione, nel comunicare all’interessato che la ragione ostativa all’accoglimento della sua istanza risiede nella esistenza di una segnalazione Schengen a suo carico, deve anche fornire gli elementi essenziali per l’individuazione di detta segnalazione e cioè almeno la data e il Paese inseritore nonché la ragione per la quale è stata effettuata, al fine di mettere il destinatario nella condizione di poter contestare la segnalazione nelle sedi opportune o comunque di verificarne la persistente validità.

Il provvedimento impugnato si è limitato a menzionare la data e il paese inseritore della segnalazione e non le ragioni dell’inserimento né la data di scadenza, in tal modo non mettendo il ricorrente nelle condizioni di eventualmente contestare nelle dovute sedi la segnalazione in questione, pertanto, entro questi limiti, il ricorso va accolto e il suddetto provvedimento va annullato.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...