Permesso per motivi umanitari per motivi di salute. No al diniego del rinnovo per motivi di ordine pubblico

E’ illegittimo il diniego, opposto dalla Questura, su una domanda di rilascio di permesso di soggiorno per motivi umanitari.

Sentenza: TAR Lombardia, Sezione Quarta, Sentenza n. 2000 del 26 luglio 2013

L’amministrazione resistente ha rigettato l’istanza di rinnovo del permesso di soggiorno semplicemente riconoscendo una prevalenza assoluta alle esigenze di salvaguardia dell’ordine pubblico, ma senza valutare le concrete condizioni di salute dello straniero e se lo stesso poteva derivare dal diniego dell’istanza un pregiudizio irreparabile alla salute, secondo le coordinate dettate dalla giurisprudenza di legittimità.

La Corte di cassazione ha, infatti, evidenziato che la garanzia del diritto fondamentale alla salute del cittadino straniero che comunque si trovi nel territorio nazionale impedisce l’espulsione nei confronti di colui che dall’immediata esecuzione del provvedimento potrebbe subire un irreparabile pregiudizio, dovendo tale garanzia comprendere non solo le prestazioni di pronto soccorso e di medicina d’urgenza, ma anche tutte le altre prestazioni essenziali per la vita.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...