Non si può rifiutare il rinnovo di permesso di soggiorno per lavoro domestico per omessa contribuzione INPS: è irrilevante e la Questura deve indagare sull’effettività del rapporto di lavoro

E’ fondato il ricorso avverso il provvedimento di rifiuto del rinnovo del permesso di soggiorno per lavoro subordinato, motivato dalla carenza della documentazione a supporto, quali i bollettini INPS e la visura camerale della ditta datrice di lavoro. Il lavoratore straniero non è direttamente responsabile del mancato versamento dei contributi previdenziali.

Sentenza: TAR Lombardia, sezione staccata di Brescia, Sentenza n. 785 del 23 settembre 2013

Non sarebbe quindi corretto privare il lavoratore straniero del titolo di soggiorno per inadempimenti che dipendono dalla condotta di altri soggetti.

Quanto al riscontro sull’effettività del rapporto di lavoro, qualora l’amministrazione abbia motivo di dubitare dell’effettivo svolgimento dell’attività lavorativa dichiarata, deve effettuare accertamenti non soltanto cartacei ma sul campo, avvalendosi se necessario degli ispettori del lavoro.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...