Marocco. Diritto protezione motivi umanitari al cittadino straniero affetto da condizione grave psichica (disturbo bipolare)

Dai documenti prodotti dalla difesa del ricorrente è emerso che quest’ultimo è affetto da una condizione grave di disturbo bipolare dell’umore, presenta deliri, allucinazioni, è stato ricoverato presso diverse strutture psichiatriche e sta seguendo una terapia farmacologia stabilizzante.

Sentenza: Tribunale di Milano, Sez. Prima Civile, ordinanza del 13 giugno 2013

Tali elementi, considerati unitamente al fatto che la necessità del mantenimento della terapia in atto sul ricorrente non potrebbe essere assicurata in caso di ritorno in Marocco, soprattutto in ragione della difficoltà di reperire con costanza i farmaci necessari per la cura del ricorrente e della mancanza dei servizi destinati alla cura mentale nel paese di origine del ricorrente, portano questo giudice a ritenere che nel caso in esame sussista un’ipotesi di “non respingimento” di cui agli artt. 5, comma 6 e 19 del D.Lgs. n. 286/1998.

Deve pertanto concludersi riconoscendo il diritto del ricorrente all’ottenimento del permesso di soggiorno per motivi umanitari.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...