Emersione stranieri 2009: illegittimo annullare il contratto di soggiorno perchè successivamente il rapporto di lavoro si interrompe

E’ accolta l’impugnazione proposta contro il provvedimento di annullamento del contratto di soggiorno, stipulato a conclusione della procedura di emersione del 2009, fondato sul fatto che il ricorrente, in occasione di controlli disposti a suo tempo, non risultava presente presso il domicilio del datore di lavoro.

Sentenza: TAR Piemonte, Sezione Prima, Sentenza n. 873 del 12 luglio 2013

Il contratto di soggiorno previsto dal D.Lgs. n. 286 del 1998, come anche dalla legge n. 102 del 2009, intercorre tra il datore di lavoro ed il lavoratore extracomunitario, e rimane pur sempre un atto di natura negoziale, giammai suscettibile di essere direttamente invalidato per mezzo di un atto amministrativo.

L’Amministrazione, che non é parte diretta del contratto di soggiorno, non può intervenire d’autorità per incidere sulla validità del medesimo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...