Variante al PRG: i termini per l’approvazione hanno natura ordinatoria

Costituisce principio generale del diritto, quello secondo cui i termini del procedimento amministrativo devono essere considerati ordinatori, qualora non siano dichiarati espressamente perentori dalla legge.

Sentenza: Consiglio di Stato , sez. IV, sentenza 06.08.2013 n° 4150

Se pure l’intenzione del legislatore di individuare un termine come perentorio non si ricavi sempre e necessariamente dall’esplicita disposizione in tal senso, potendo tale natura essere desunta anche implicitamente dalla disposizione normativa, non ricorre tale circostanza per il caso del termine fissato per l’adozione del provvedimento finale di un procedimento amministrativo.

Ferma restando la possibilità di accedere agli istituti posti a tutela dell’interesse del privato leso dall’inerzia dell’amministrazione, il mancato rispetto dei termini per l’approvazione della variante al PRG, stante la natura ordinatoria degli stessi, non conduce ad alcun vizio di legittimità del provvedimento così emanato.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...