Demansionamento: se le mansioni concrete sono inferiori c’è il danno

Ai fini del giudizio di equivalenza, occorre verificare in concreto i compiti espletati dal dipendente, a prescindere dall’inquadramento formalmente attribuito.

Sentenza: Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 11.09.2013 n° 20829

Né può rilevare la circostanza che il dipendente avesse conservato l’originario inquadramento in quanto, ai fini del giudizio di equivalenza, occorre verificare in concreto se sia tutelato, anche nelle mansioni di nuova assegnazione, il livello professionale raggiunto e l’utilizzazione del patrimonio professionale acquisito dal dipendente.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...