Non si paga l’IRAP se si ha un praticante nello studio professionale

Anche se sussistono compensi dati ai praticanti dello studio, essi non indicano una “autonoma organizzazione”, necessaria per ritenere applicabile l’IRAP al professionista titolare dello studio.

Sentenza: Cassazione civile , sez. VI-T, sentenza 23.07.2013 n° 17920

Al fine di ritenere applicabile l’IRAP, bisogna approfondire se i praticanti svolgono una effettiva funzione di personale dipendente.

Tale verifica verosimilmente non può dare esito positivo, in quanto il praticante non abilitato alla professione, non può rappresentanre un elemento organizzativo dello studio rilevante sotto l’aspetto fiscale: egli infatti non partecipa a formare il reddito di lavoro autonomo del titolare dello studio, ma sta soltando compiendo un iter di formazione.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...