STRANIERI/Permesso art. 31 non richiede necessariamente l’esistenza di situazioni di emergenza o eccezionali collegate alla salute del minore straniero – Residence permit pursuant to art. 31 does not necessarily require the existence of an emergency or exceptional health-related foreign children

Cass. Civ., Sezione Prima, Sentenza del 21 giugno 2013, n. 15676

La temporanea autorizzazione alla permanenza in Italia del familiare del minore, prevista dall’art. 31 del d.lgs. n. 286 del 1998 in presenza di gravi motivi connessi al suo sviluppo psicofisico, non richiede necessariamente l’esistenza di situazioni di emergenza o di circostanze contingenti ed eccezionali strettamente collegate alla sua salute, potendo comprendere qualsiasi danno effettivo, concreto, percepibile ed obiettivamente grave che, in considerazione dell’età o delle condizioni di salute ricollegabili al complessivo equilibrio psico-fisico, deriva o deriverà al minore dall’allontanamento del familiare o dal suo definitivo sradicamento dall’ambiente in cui è cresciuto, sempre che si tratti di situazioni che si concretino in eventi traumatici che trascendano il normale disagio dovuto al proprio rimpatrio o a quello di un familiare.

ENG

The temporary permission to stay in Italy for the family of the child, if there are serious reasons related to his physical and mental development does not necessarily require the existence of an emergency or exceptional circumstances linked to his health, it may include any actual damage, concrete and severe that, in consideration of the age or health conditions explicable by the psycho-physical balance, will result in the removal of the child from the family or its eradication from the environment in which he grew up.

 

FRE

L’autorisation provisoire de séjour en Italie pour la famille de l’enfant, s’il ya de sérieuses raisons liées à son développement physique et mental ne requiert pas nécessairement l’existence d’une situation d’urgence ou de circonstances exceptionnelles liées à son état de santé, il peut inclure tout dommage réel, concret et sévère qui, compte tenu de l’âge ou de l’état de santé s’explique par l’équilibre psycho-physique, se traduira par le retrait de l’enfant de la famille ou de son éradication de l’environnement dans lequel il a grandi.

ESP

El permiso temporal para permanecer en Italia para la familia del niño, si hay motivos graves relacionados con su desarrollo físico y mental no implica necesariamente la existencia de una situación de emergencia o en circunstancias excepcionales vinculadas a su salud, puede incluir cualquier daño real, concreto y grave que, teniendo en cuenta la edad o condiciones de salud explicable por el equilibrio psico-físico, dará lugar a la retirada del niño de su familia o de su erradicación del medio ambiente en el que creció.

————

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

Svolgimento del processo

1. – La Corte d’appello di Napoli, con decreto depositato il 13 marzo 2009, rigettò il reclamo proposto da A. S. e A. A., genitori dei minori A. S. e M., avverso il decreto del Tribunale per i minorenni di Napoli di conferma del provvedimento di allontanamento dal territorio nazionale.

Il giudice di secondo grado, premesso che i gravi motivi connessi allo sviluppo psicofisico del minore straniero presente nel territorio italiano, che, ai sensi dell’art. 31, terzo comma, del d.lgs. n. 286 del 1998, consentono il rilascio dell’autorizzazione alla permanenza in Italia per un determinato periodo del suo familiare, anche se attinto da provvedimento di espulsione, devono essere correlati esclusivamente alla sussistenza di condizioni di emergenza, o di circostanze contingenti ed eccezionali che pongano in grave pericolo lo sviluppo normale della personalità del minore, osservò che nel caso in esame nessun particolare pregiudizio psicofisico dei minori era stato dedotto se non un generico disagio determinato dal fatto di doverli trasferire in altro Stato, con la conseguente interruzione di quel processo educativo già iniziato in Italia.

Aggiunse la Corte di merito che la tenera età dei minori (dodici e dieci anni) rendeva meno traumatico il loro trasferimento nel Paese di origine dei genitori.

2. – Per la cassazione di tale decreto ricorrono A. S. e A. sulla base di due motivi.

Motivi della decisione

1. – Con il primo motivo di ricorso si deduce violazione ed errata applicazione dell’art. 31, comma 3, del d.lgs. n. 286 del 1998, nonché insufficiente motivazione. Si osserva che, secondo autorevole giurisprudenza, ai sensi della invocata disposizione, in caso di richiesta di autorizzazione alla permanenza sul territorio dello Stato del cittadino straniero genitore di minori nati in Italia e perfettamente inseriti nel contesto sociale e scolastico, i gravi motivi che consentono di derogare alla disciplina della immigrazione vanno ravvisati nelle conseguenze dell’allontanamento improvviso dei minori dal contesto ambientale in cui sono vissuti ed hanno radicato significative relazioni sociali, e cioè in una situazione anche non in atto ma solo in potenza, con forti probabilità di verificazione. Nella specie sarebbe mancata la valutazione dell’eventuale grave pregiudizio derivante ai minori di cui si tratta dall’allontanamento del genitore convivente o dal loro stesso allontanamento dall’ambiente in cui erano fin a quel momento vissuti. Pregiudizio in effetti sussistente, come attestato dalla istruttoria compiuta.

2. – La seconda censura ha ad oggetto la violazione ed errata applicazione dell’art. 31, comma 5, del d.lgs. n. 286 del 1998 per omessa, insufficiente e contraddittoria motivazione in relazione alla ritenuta mancanza di pregiudizio allo sviluppo psicofisico dei minori quale effetto dell’allontanamento improvviso dal contesto in cui erano vissuti sin dalla nascita. Illogica, immotivata e priva di fondamento giuridico sarebbe l’affermazione secondo la quale la “tenera età” dei minori avrebbe reso meno traumatico il loro trasferimento nel Paese di origine dei genitori, essendo i fratelli in realtà adolescenti già perfettamente inseriti nel contesto sociale e scolastico.

3. – I motivi, che, per la stretta connessione, possono essere esaminati congiuntamente, meritano accoglimento nei termini che seguono.

3.1. – Le Sezioni Unite di questa Corte, con la sentenza n. 21799 del 2010, hanno affermato che la temporanea autorizzazione alla permanenza in Italia del familiare del minore, prevista dall’art. 31 del d.lgs. n. 286 del 1998 in presenza di gravi motivi connessi al suo sviluppo psicofisico, non richiede necessariamente l’esistenza di situazioni di emergenza o di circostanze contingenti ed eccezionali strettamente collegate alla sua salute, potendo comprendere qualsiasi danno effettivo, concreto, percepibile ed obiettivamente grave che, in considerazione dell’età o delle condizioni di salute ricollegabili al complessivo equilibrio psico-fisico, deriva o deriverà al minore dall’allontanamento del familiare o dal suo definitivo sradicamento dall’ambiente in cui è cresciuto, sempre che si tratti di situazioni che si concretino in eventi traumatici che trascendano il normale disagio dovuto al proprio rimpatrio o a quello di un familiare.

3.2. – Nella specie è completamente mancata una indagine volta all’apprezzamento di un siffatto danno, anche sotto il profilo della potenzialità della verificazione dello stesso: il decreto impugnato è pervenuto alla conferma del provvedimento del Tribunale principalmente invocando il principio restrittivo per cui l’autorizzazione all’ingresso o alla permanenza in Italia del familiare del minore straniero (situazioni che invece andavano differenziate) può essere rilasciata solo in condizioni di emergenza ovvero in circostanze contingenti ed eccezionali per quest’ultimo.

4. – In definitiva, il ricorso deve essere accolto. Il decreto impugnato va cassato e la causa rinviata ad altro giudice – che viene individuato nella Corte d’appello di Napoli in diversa composizione cui viene demandato altresì il regolamento delle spese del presente giudizio – il quale la riesaminerà attenendosi al principio di diritto richiamato sub 3.1.

P.Q.M.

Accoglie il ricorso. Cassa il decreto impugnato e rinvia, anche per la spese del presente giudizio, alla Corte d’appello di Napoli in diversa composizione. Dispone che in caso di diffusione del presente provvedimento siano omesse le generalità e gli altri dati significativi, a norma del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196, art. 52 (Codice in materia di protezione dei dati personali).

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...