STRANIERI/Se il rapporto di locazione ha condizioni ingiuste, ricorre l’approfittamento dello stato di bisogno e il favoreggiamento dell’immigrazione clandestina – If the lease relationship is with unjust conditions, there is the taking advantage of the state of need and the smuggling of migrants

Cass. Pen., Sezione Prima, Sentenza del 18 giugno 2013, n. 26457

Ai fini della configurazione del reato di favoreggiamento della permanenza nel territorio dello Stato di immigrati clandestini, non è sufficiente che l’agente abbia messo a loro disposizione unità abitative in locazione, ma è necessario che ricorra il dolo specifico, costituito dal fine di trarre un ingiusto profitto dello stato di illegalità dei cittadini stranieri, che si realizza quando l’agente, approfittando di tale stato di bisogno, imponga condizioni particolarmente onerose ed esorbitanti dal rapporto sinallagmatico.

ENG

For the purpose of the configuration of the offense of aiding and abetting or leaving the territory of the State of illegal immigrants, it is not sufficient that the agent has put at their disposal units leased, but it is necessary that recourse specific intent, consisting of the order to take a unfair advantage of the illegal status of foreign citizens, which is created when the agent, taking advantage of this state of need, imposes onerous conditions and exorbitant from the bilateral relationship.


FRE

Aux fins de la configuration de l’infraction de complicité ou de quitter le territoire de l’État d’immigrants illégaux, il ne suffit pas que l’agent a mis dans leurs unités d’élimination louées, mais il est nécessaire que l’intention spécifique recours, composée de l’ordre de prendre une indûment profit de la situation illégale de citoyens étrangers, qui est créé lorsque l’agent, profitant de cet état de nécessité, impose des conditions onéreuses et exorbitants de la relation bilatérale.

 ESP

A los efectos de la configuración del delito de complicidad o la salida del territorio del Estado de los inmigrantes ilegales, no es suficiente que el agente ha puesto a sus unidades de eliminación de arrendamiento, pero es necesario que la intención específica de recurso, que consiste en el fin de tener una indebidamente ventaja de la situación ilegal de ciudadanos extranjeros, que se crea cuando el agente, aprovechando este estado de necesidad, impone condiciones onerosas y exorbitantes a la relación bilateral.

————-

Corte di Cassazione, sezione I Penale, sentenza 24 aprile – 18 giugno 2013, n. 26457

Ritenuto in fatto

La Corte di appello di Milano ha confermato la sentenza del 15 aprile 2008 con cui il giudice dell’udienza preliminare del Tribunale di quella città condannò, in esito a rito abbreviato, R.R.F. alla pena di un anno di reclusione ed Euro 6000,00 di multa per aver favorito la permanenza sul territorio dello Stato, al fine di trarre profitto dalla loro condizione di illegalità, di due cittadini extracomunitari privi del permesso di soggiorno, specificamente ospitandoli nell’appartamento di via (omissis) , di proprietà di Ru.Ro. e a lei regolarmente affittato, dietro il pagamento di una somma di denaro quale pigione, reato accertato il (omissis) . La Corte territoriale ha posto in evidenza che dagli accertamenti di polizia, nonché dalle dichiarazioni della stessa ricorrente, è emerso che questa accettò di prestare il suo nome alla connazionale Ro.Sa. , clandestina, consentendo in tal modo l’elusione delle norme sulla registrazione del contratto e di quelle poste a presidio della pubblica sicurezza e che ciò fece allo scopo di lucrare, o comunque facendo lucrare, un canone di locazione, comunque rivestito del carattere di profitto ingiusto. Avverso la sentenza ha proposto ricorso R.R. , deducendo: – Violazione di legge e difetto di motivazione. La sentenza impugnata, sì come quella di primo grado, ha omesso di accertare l’elemento dell’ingiusto profitto, essenziale ai fini dell’integrazione della fattispecie criminosa oggetto di contestazione. Manca, infatti, qualsivoglia dimostrazione in relazione al fatto che la ricorrente percepisse un canone locatizio e, soprattutto, che lo stesso fosse “oneroso ed esorbitante”.

Considerato in diritto

Il ricorso è fondato per le ragioni di seguito esposte. L’integrazione del reato necessita dell’elemento soggettivo del dolo specifico, come reiterata mente evidenziato da questa Corte, e cioè dalla sussistenza in capo all’agente del fine di trarre un profitto Ingiusto. In questo senso questa Corte ha già affermato che “ai fini della configurazione del reato di favoreggiamento della permanenza nel territorio dello Stato di immigrati clandestini…, nell’ipotesi di rapporto contrattuale instaurato con essi, occorre accertare la sussistenza, in capo all’agente, del dolo specifico, consistente nella finalità di trarre ingiusto profitto dalla condizione di illegalità dello straniero clandestino”. Il principio è stato pronunciato in un caso di concessione in locazione a immigrato clandestino di locali ad uso di abitazione, ove però non era stato accertato se dalla stipula del contratto il locatore avesse inteso trarre indebito vantaggio dalla condizione di illegalità dello straniero con l’imposizione di condizioni onerose ed esorbitanti dall’equilibrio del rapporto sinallagmatico – Sez. 1, n. 46066 del 16/10/2003 (dep. 28/11/2003), Capriotti, Rv. 226476 -. Ancora, e in conformità, si è pure detto che ai fini della configurazione del reato di favoreggiamento della permanenza nel territorio dello Stato di immigrati clandestini…, non è sufficiente che l’agente abbia favorito la permanenza nel territorio dello Stato di immigrati clandestini mettendo a loro disposizione unità abitative in locazione, ma è necessario che ricorra il dolo specifico, costituito dal fine di trarre un ingiusto profitto dallo stato di illegalità dei cittadini stranieri, che si realizza quando l’agente, approfittando di tale stato, imponga condizioni particolarmente onerose ed esorbitanti dal rapporto sinallagmatico – Sez. 1, n. 46070 del 23/10/2003 (dep. 28/11/2003), P.G. in proc. Scarselli, Rv. 226477 -. E più di recente si è ribadito che l’elemento soggettivo richiesto per la configurazione del reato… è il dolo specifico costituito dal fine di trarre un ingiusto profitto dallo stato di illegalità dei cittadini stranieri, situazione questa che si realizza quando l’agente, approfittando di tale stato, imponga condizioni particolarmente onerose ed esorbitanti dal rapporto sinallagmatico – Sez. 1, n. 5093 del 17/1/2012 (dep. 9/2/2012), Abdalah e altri, Rv. 251855 -. La sentenza impugnata – come anche la sentenza di primo grado – ha omesso di misurarsi con questo principio, limitandosi all’affermazione che la ricorrente agì per lucrare, o per far lucrare al proprietario dell’immobile, il canone di locazione, ritenuto per ciò solo oggetto di ingiusto profitto, a prescindere da ogni considerazione circa lo sfruttamento o meno delle condizioni di immigrati clandestini dei conduttori. Nella ricostruzione del fatto-reato, sì come operata in sentenza, difetta un elemento necessario della fattispecie, appunto il dolo specifico, e pertanto si impone l’annullamento della sentenza perché il fatto non costituisce reato.

P.Q.M.

Annulla senza rinvio la sentenza impugnata, perché il fatto non costituisce reato.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...