STRANIERI/Illegittimo diniego visto lavoro autonomo se non si approfondisce l’aspetto delle risorse finanziarie – Wrongful denial of a visa for self-employment if you do not read more the appearance of financial resources

TAR Lazio, Sezione Prima, Sentenza del 10 giugno 2013, n. 5779

Illegittimo per violazione dell’art. 39, comma 3, del D.P.R. n. 394/1999, e per difetto di istruttoria, il provvedimento di diniego del visto d’ingresso in Italia per motivi di lavoro autonomo. In effetti, l’amministrazione ha negato il visto in applicazione di una norma, che, alla luce delle produzioni documentali, non avrebbe potuto essere applicata, se non a seguito di approfondimento istruttorio. Infatti, se l’Ambasciata avesse nutrito dubbi sulla veridicità dell’estratto bancario, sarebbe stato suo onere richiedere integrazioni sul punto, al fine di superare un documento che, in linea astratta, attesta la disponibilità delle necessarie risorse finanziarie.

 

ENG

Illegitimate, due to violation of Article 39, paragraph 3, of Presidential Decree n. 394/1999, and for lack of investigation, a decision refusing a visa to enter Italy for reasons of self-employment. In fact, the administration has denied a visa by applying a rule, that, in the light of the documents produced, could not be applied, if not as a result of in-depth investigation. In fact, if the Embassy had had doubts about the veracity of the extract bank, it was his responsibility to request additions on the point, in order to overcome a document confirming the availability of the necessary financial resources.

 

FRE

Illégitime, en raison de la violation de l’article 39, paragraphe 3, du décret présidentiel n. 394/1999, et de l’absence d’enquête, une décision de refus d’un visa pour entrer en Italie pour des raisons de travail indépendant. En fait, l’administration a refusé un visa en appliquant une règle, qui, à la lumière des documents produits, ne pouvait pas être appliquée, si elle n’est pas à la suite d’une enquête approfondie. En fait, si l’ambassade avait des doutes quant à la véracité de la banque d’extrait, il était de sa responsabilité de demander des ajouts sur ce point, afin de surmonter un document confirmant la disponibilité des ressources financières nécessaires.

ESP

Ilegítima, debido a la violación del artículo 39, apartado 3, del Decreto Presidencial n. 394/1999, y por la falta de investigación, la decisión de denegar el visado para entrar en Italia por razones de trabajo por cuenta propia. De hecho, el gobierno ha negado la visa mediante la aplicación de una norma, que, a la luz de los documentos presentados, no podría aplicarse, si no como resultado de una investigación en profundidad. De hecho, si la embajada había tenido dudas sobre la veracidad del extracto bancario, era su responsabilidad solicitar adiciones a punto, con el fin de superar un documento que confirme la disponibilidad de los recursos financieros necesarios.

——————

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio

(Sezione Prima Quater)

ha pronunciato la presente

SENTENZA

[…]

per l’annullamento

del provvedimento […] dell’ambasciata d’italia a kiev, con la quale è stato comunicato il rigetto della domanda di visto per lavoro autonomo.

[…]

Il ricorrente, cittadino ucraino, impugna il diniego del visto di ingresso in Italia per motivi di lavoro autonomo, oppostogli dall’Ambasciata di Kiev in data 1 febbraio 2012, chiedendone l’annullamento, e formulando altresì domanda di risarcimento danni.

Il ricorrente premette di avere a tal fine necessità di far ingresso nel nostro Paese, per esercitare il commercio di prodotti per animali presso la Provincia di Cuneo.

L’atto impugnato si fonda sulla presunta carenza in capo al ricorrente del requisito previsto dall’art. 39, comma 3, del d.P.R. n. 349 del 1999, secondo il quale “lo straniero è tenuto ad acquisire presso la Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura competente per il luogo in cui l’attività lavorativa autonoma deve essere svolta, o presso il competente ordine professionale, l’attestazione dei parametri di riferimento riguardanti la disponibilità delle risorse finanziarie occorrenti per l’esercizio dell’attività. Tali parametri si fondano sulla disponibilità in Italia, da parte del richiedente, di una somma non inferiore alla capitalizzazione, su base annua, di un importo mensile pari all’assegno sociale”.

Il conservatore ha attestato che la somma in questione, nel caso di specie, è pari ad euro 10,329,14.

Il ricorrente ha prodotto dichiarazione del suo ex datore di lavoro, dalla quale risulta che nell’anno 2010 ha percepito un reddito di euro 69.962,52, che rende verosimile quanto poi risulta da un estratto bancario: in base a tale ultimo documento, egli è titolare di conto corrente presso Unicredit, con saldo al 24 novembre 2011 di euro 15.196,636, dunque superiore alla somma richiesta dall’art. 39, comma 3, del d.P.R. n. 394 del 1999.

A seguito di ordine istruttorio del Tribunale, l’Ambasciata ha depositato relazione, specificando l’inidoneità di tale ultimo documento, che costituirebbe una “semplice stampata di una pagina web indicante alcuni movimenti bancari effettuati a ridosso della presentazione della domanda di visto”.

L’amministrazione stessa ammette, perciò, che il documento è stato prodotto, ma crede di inficiarne la validità, osservando che il credito maturato sul C/C è frutto di accrediti recenti.

Tuttavia, non si vede quale significato possa avere tale circostanza, atteso che la legge richiede la disponibilità di una somma, e non che essa sia di recente o passata acquisizione.

Il Tribunale ha perciò sospeso l’atto impugnato ai fini del riesame: il ricorrente, con la memoria conclusiva, ha rilevato che l’ordinanza cautelare del 19 ottobre 2012 non è stata ottemperata, e che l’Ambasciata non ha assunto nuovi provvedimenti, benché diffidata.

Ciò premesso, il Tribunale ritiene fondato il ricorso.

Esso si affida ad un unico articolato motivo di violazione di legge ed eccesso di potere, anche per difetto di istruttoria.

In effetti, l’amministrazione ha negato il visto in applicazione di una norma, che, alla luce delle produzioni documentali, non avrebbe potuto essere applicata, se non a seguito di approfondimento istruttorio.

Infatti, se l’Ambasciata avesse nutrito dubbi sulla veridicità dell’estratto bancario, sarebbe stato suo onere richiedere integrazioni sul punto, al fine di superare un documento che, in linea astratta, attesta la disponibilità delle necessarie risorse finanziarie.

A ciò l’amministrazione non ha provveduto, né prima di adottare l’atto impugnato, né a seguito dell’invito espresso a tal fine dal Tribunale.

L’atto impugnato va perciò ritenuto illegittimo per violazione dell’art. 39, comma 3, del d.P.R. n. 394 del 1999, e per difetto di istruttoria.

[…]

P.Q.M.

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Prima Quater)

definitivamente pronunciando sul ricorso, come in epigrafe proposto,

Annulla l’atto impugnato.

[…]

Così deciso in Roma nella camera di consiglio del giorno 9 maggio 2013 […]

DEPOSITATA IN SEGRETERIA Il 10/06/2013

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...