STRANIERI/Non può essere negato il rinnovo del permesso di soggiorno perchè le forze di polizia non trovano lo straniero in casa per la verifica della residenza – It can not be denied the renewal of a residence permit because the police do not find the stranger in the house for checking the residence

TAR Campania, Sezione Sesta, Sentenza del 30 aprile 2013, n. 2267

Accolto il ricorso avverso il provvedimento di rifiuto di rinnovo del permesso di soggiorno per attesa occupazione, motivato sull’insussistenza del requisito reddituale e sulla irreperibilità del ricorrente. Il mancato rispetto dei limiti reddituali non può impedire il rilascio del permesso di soggiorno per attesa occupazione in quanto si suppone che il soggetto, privo di occupazione, possa non avere redditi. Quanto all’irreperibilità, essa può giustificare il mancato invio delle comunicazioni, ma non certo il diniego del rilascio del permesso di soggiorno, non essendovi alcun obbligo a restare costantemente presso la propria abitazione.

ENG

Upheld the appeal against the decision to refuse to renew the residence permit pending employment, motivated on the lack of the requisite income and the unavailability of the applicant. Failure to comply with the limits income can not prevent the issue of a residence permit for prospective employment as it is supposed that the subject, devoid of employment, may not have incomes. As for the inability to reach, it can justify the failure to transmit the information, but certainly not the refusal to issue a residence permit, since there is no obligation to remain constantly at their homes.

 

FRE

A accueilli l’appel contre la décision de refuser de renouveler le permis de séjour en attendant l’emploi, motivés sur le manque de revenu requis et l’indisponibilité du demandeur. Le défaut de se conformer à la limite de revenus ne peut empêcher la délivrance d’un permis de séjour pour un emploi futur comme il est supposé que le sujet, sans emploi, ne peut pas avoir des revenus. Quant à l’incapacité d’atteindre, il peut justifier le fait de ne pas transmettre les informations, mais certainement pas le refus de délivrer un permis de séjour, car il n’y a pas d’obligation de rester constamment à leur domicile.

ESP

Estimación del recurso contra la decisión de denegar la renovación del permiso de residencia en espera de empleo, motivados en la falta de los ingresos necesarios y la falta de disponibilidad del solicitante. El incumplimiento de los límites de ingresos no puede impedir la expedición de un permiso de residencia para un posible empleo, ya que se supone que el sujeto, carente de empleo, no tienen ingresos. En cuanto a la imposibilidad de llegar, se puede justificar la falta de transmisión de la información, pero ciertamente no es la negativa a expedir un permiso de residencia, ya que no hay obligación de permanecer constantemente en sus casas.

—————–

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania

(Sezione Sesta)

ha pronunciato la presente

SENTENZA

[…]

per l’annullamento, previa sospensione dell’efficacia,

del decreto del questore di Caserta […] di rigetto rinnovo del permesso di soggiorno.

[…]

Rilevato che il ricorso è mosso avverso il provvedimento del 24.10.2012 con cui la Questura di Caserta ha respinto l’istanza di rinnovo del permesso di soggiorno ‘per attesa occupazione’ presentata dal ricorrente Xxx, in data 08.08.2012;

Rilevato che l’Amministrazione giungeva a tanto in ragione dei seguenti elementi:

– il ricorrente non aveva prodotto alcun reddito “derivante anche da indennità di disoccupazione”;

– non era stata “provata e documentata l’esistenza di redditi da lavoro attraverso il versamento di contributi previdenziali ed assicurativi in suo favore”;

– il ricorrente si era reso irreperibile con “condotta … oggettivamente incompatibile con le finalità di integrazione sociale poste a fondamento della legislazione … in materia di immigrazione”;

Rilevato che parte ricorrente censura il provvedimento in quanto viziato da palese travisamento e violazione di legge (censura sub 1) nonchè per l’omissione delle prescritte garanzie di partecipazione procedimentale (censura sub 2: mancato invio del preavviso di rigetto ex art. 10 bis L. 241/1990) in quanto:

1) come documentato in atti, il ricorrente ha regolarmente effettuato l’iscrizione a un centro per l’impiego dopo il licenziamento del 13.04.2012 e il precedente datore di lavoro ha regolarmente comunicato l’inizio del rapporto ed ha pagato i contributi previdenziali per il 2011;

2) inoltre, il ricorrente tutt’ora alloggia presso l’indirizzo indicato all’anagrafe e l’asserita irreperibilità è dovuta agli impegni lavorativi che lo tengono lontano dall’abitazione per l’intera giornata, per cui non può essere giustificata l’elusione dell’obbligo di inviare il preavviso di rigetto di cui all’art. 10 bis L. 241/1990;

Considerato che il mancato rispetto dei limiti reddituali non può impedire il rilascio del permesso di soggiorno per attesa occupazione in quanto si suppone che il soggetto, privo di occupazione, ben possa non avere redditi;

Considerato che, comunque, il ricorrente ha documentato tanto l’esistenza quanto la regolarità contributiva del pregresso rapporto di lavoro (cfr. produzione ricorrente), smentendo ‘per tabulas’ le affermazioni recate nel provvedimento in merito all’inesistenza del pregresso rapporto di lavoro;

Considerato, altresì, che la mera irreperibilità – in mancanza di prova della falsità delle attestazioni relative alla propria sistemazione alloggiativa – può giustificare il mancato invio delle prescritte comunicazioni, ma non certo ‘ex se’ il diniego del rilascio del permesso di soggiorno, non essendovi alcun obbligo a restare costantemente presso la propria abitazione;

Considerato che la censura relativa al mancato invio della comunicazione relativa al preavviso di rigetto può ritenersi assorbita in ragione dell’accoglimento della prima censura;

Ritenuto, pertanto, che il provvedimento sia illegittimo e che, pertanto, debba essere annullato, fatti salvi quelli ulteriori;

[…]

P.Q.M.

Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Sesta) definitivamente pronunciando sul ricorso, come in epigrafe proposto, lo accoglie e, per l’effetto, annulla il provvedimento impugnato, fatti salvi quelli ulteriori.

[…]

Così deciso in Napoli nella camera di consiglio del giorno 20 marzo 2013 […]

DEPOSITATA IN SEGRETERIA Il 30/04/2013

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...