STRANIERI/Se la Questura riceve per errore una istanza di conversione pds da lavoro stagionale a lavoro subordinato, è suo obbligo trasmetterla rapidamente alla Prefettura, e informare lo straniero – If the police mistakenly receives a request for conversion from pds seasonal employment to employment, it is obliged to pass it quickly to the Prefecture, and inform the alien

TAR Marche, Sezione Prima, Sentenza del 4 aprile 2013, n. 269

E’ accolto il ricorso avverso il provvedimento, col quale la Questura ha negato la conversione del permesso di soggiorno da stagionale a subordinato non stagionale, motivato dal fatto che, pur esistendo alla data della domanda la disponibilità di quote per la conversione dei permessi stagionali, il ricorrente non avrebbe potuto comunque usufruirne per non aver tempestivamente presentato la domanda presso il S.U.I. e per essere già scaduto il permesso di soggiorno per lavoro stagionale di cui era stata chiesta la conversione. In base ad un principio generale del procedimento amministrativo, laddove l’amministrazione che ha ricevuto un’istanza di un cittadino non sia competente ad evadere la pratica, la stessa amministrazione è tenuta ad inviarla all’ufficio competente, tenendo informato di ciò il richiedente. Nel caso di specie, era onere della Questura intimata approfondire in contraddittorio col ricorrente il contenuto dell’istanza ed eventualmente “girarla” al competente S.U.I. per gli adempimenti inerenti la conversione. Acclarato ciò, è del tutto evidente che la verifica circa la capienza della quota prevista dal c.d. decreto flussi vigente ratione temporis andasse effettuata “ora per allora” e ciò in ragione dell’effetto ripristinatorio ex tunc che consegue ad una sentenzache pronuncia l’annullamento di un provvedimento. Fra l’altro, nel caso di specie, essendo stato provato per tabulas che alla data di presentazione dell’istanza esistevano quote da destinare alla conversione dei permessi di soggiorno per lavoro stagionale e che tali quote non sono state nemmeno coperte per intero nella provincia di M., al ricorrente non è nemmeno opponibile una irreversibile modificazione dello stato di fatto e di diritto che impedirebbe la soddisfazione in forma specifica del suo interesse ad ottenere la conversione del permesso di soggiorno. Qualsiasi altra conclusione confliggerebbe con il principio di proporzionalità dell’azione amministrativa, visto che l’accoglimento della domanda del ricorrente non pregiudica né eventuali terzi che in ipotesi dovessero vedersi privati della quota prevista dal decreto flussi di cui al D.P.C.M. 31 ottobre 2010, né l’interesse pubblico ad una corretta regolazione dei flussi migratori.

 

ENG

It upheld the appeal against the decision, with which the police denied the conversion of the residence permit seasonal to non-seasonal subordinate, motivated by the fact that while there at the date of the application the availability of shares for the conversion of seasonal permits, the applicant could not use them anyway for not having timely filed an application with the SUI and to be already expired residence permit for seasonal work which had been requested conversion. According to a general principle of administrative procedure, where the administration has received an instance of a citizen is not competent to process it, the same administration is required to send to the competent office, keeping informed of what the applicant. In the present case, it was for the Police intimated deepen in contradictory with the applicant and, if the contents of the “turn” to the competent authority for all matters related to SUI conversion. Having clarified this, it is quite clear that the verification about the capacity of the quota provided by the “Flow Decree” current temporal went carried out “as of now”, and that by reason of the effect of recovery from the beginning, which follows a judgment pronounced by the annulment of the measure. Among other things, in this case, being tested by documentary that, at the date of submission of the application, there were quotas to be allocated to the conversion of residence permits for seasonal work and that these were not even covered in full in the province of Macerata, the applicant is not even enforceable against an irreversible change in the state of fact and law that would prevent the satisfaction in a specific form of its interest in obtaining the conversion of the residence permit. Any other conclusion would conflict with the principle of proportionality of administrative action, since the acceptance of the application without prejudice to any third party in the event were being deprived of the quota provided by the “Flow Decree” nor the public interest in the proper regulation of migration flows.


FRE

Il a accueilli l’appel contre la décision, avec laquelle la police a nié la conversion du permis de séjour saisonnier subordonné non saisonnier, motivée par le fait que, même si à la date de la demande de la disponibilité des actions pour la conversion des permis saisonniers, le requérant ne pouvait pas les utiliser quand même pour ne pas avoir déposé une demande en temps opportun avec le SUI et d’être déjà expiré permis de séjour pour travail saisonnier qui avait été demandé conversion. Selon un principe général de procédure administrative, où l’administration a reçu une instance d’un citoyen n’est pas compétente pour la traiter, la même administration est tenue d’envoyer au bureau compétent, en gardant informé de ce que le demandeur. Dans le cas présent, il était de la police a laissé entendre approfondir contradictoire avec le demandeur et, si le contenu de la «tour» à l’autorité compétente pour toutes les questions liées à la conversion SUI. Après avoir clarifié ce point, il est clair que la vérification de la capacité du quota prévu par le “décret des flux” temporel actuel a effectué «à partir de maintenant”, et qu’en raison de l’effet de la reprise depuis le début, qui suit une jugement prononcé par l’annulation de la mesure. Entre autres choses, dans ce cas, sont contrôlés par les documentaires qui, à la date de dépôt de la demande, il y avait des quotas qui seront alloués à la conversion des permis de séjour pour travail saisonnier et qui n’ont même pas été entièrement pris en charge dans le province de Macerata, le demandeur n’est pas encore exécutoire contre un changement irréversible dans l’état de fait et de droit qui empêcherait la satisfaction dans une forme particulière de son intérêt pour obtenir la conversion du permis de séjour. Toute autre conclusion serait en contradiction avec le principe de proportionnalité de l’action administrative, depuis l’acceptation de la demande, sans préjudice à un tiers en cas étaient privés du quota prévu par le “décret des flux”, ni l’intérêt public d’une bonne régulation de la les flux migratoires.

 

ESP

Se estima el recurso contra la decisión, con la que la policía le negó la conversión del permiso de residencia temporal a los subordinados no estacional, motivado por el hecho de que si bien en la fecha de la solicitud de la disponibilidad de las acciones para la conversión de los permisos temporales, la demandante no podía utilizar de todos modos por no tener tiempo presentó una solicitud ante el SUI y que ya expiró permiso de residencia por trabajo temporal que se había solicitado la conversión. De acuerdo con un principio general del procedimiento administrativo, donde la administración ha recibido una instancia de un ciudadano no es competente para su tramitación, se requiere la misma administración para enviar a la oficina competente, manteniendo informado de lo que el solicitante. En el presente caso, se trataba de la Policía dio a entender profundizar en contradicción con el solicitante y, si el contenido de la “vuelta” a la autoridad competente para todos los asuntos relacionados con la conversión SUI. Una vez aclarado esto, es bastante claro que la verificación de la capacidad de la cuota establecida por el “Decreto Flow” temporal vigente fue llevado a cabo “a partir de ahora”, y que a causa de los efectos de la recuperación desde el principio, que sigue una sentencia pronunciada por la anulación de la medida. Entre otras cosas, en este caso, está probado por documental que, a la fecha de presentación de la solicitud, había cuotas que se asignen a la conversión de los permisos de residencia para trabajo de temporada y que éstas ni siquiera se cubrieron en su totalidad en el provincia de Macerata, la demandante ni siquiera es oponible a un cambio irreversible en el estado de hecho y de derecho que impida la satisfacción de una forma específica de su interés en obtener la conversión del permiso de residencia. Cualquier otra conclusión sería incompatible con el principio de proporcionalidad de la actuación administrativa, ya que la aceptación de la solicitud y sin perjuicio de terceros en el caso se está privando de la cuota establecida por el “Decreto de flujo”, ni el interés público en la adecuada regulación de los flujos de migración.

——–

R E P U B B L I C A I T A L I A N A

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Tribunale Amministrativo Regionale per le Marche

(Sezione Prima)

ha pronunciato la presente

SENTENZA

[…]

per l’annullamento, previa sospensione,

del provvedimento emesso dalla Questura di Macerata […] con cui si rigetta l’istanza di rinnovo del permesso di soggiorno per motivi di lavoro subordinato, e di tutti gli atti presupposti. preparatori, connessi e consequenziali.

[…]

1. Con il ricorso introduttivo, il sig. Xxx ha impugnato il provvedimento con cui il Questore di Macerata ha respinto l’istanza di rinnovo del permesso di soggiorno per lavoro stagionale, rilasciato al ricorrente in data 30/7/2010.

Con i motivi aggiunti depositati in data 18/4/2012, lo stesso ha impugnato il provvedimento di conferma del predetto diniego, adottato dal Questore di Macerata in adempimento all’ordinanza cautelare n. 72/2012 (con la quale era stato disposto il riesame della domanda).

Infine, con i motivi aggiunti depositati in data 13/2/2013 il sig. Xxx ha impugnato il nuovo provvedimento confermativo dei precedenti dinieghi, assunto dal Questore di Macerata in adempimento all’ordinanza cautelare n. 246/2012 (con cui era stato disposto un ulteriore riesame della domanda).

2. Il ricorso e i motivi aggiunti vanno accolti, per le ragioni di seguito indicate.

3. Con riguardo al ricorso introduttivo, il Tribunale in sede cautelare (ord. n. 72/2012) aveva ritenuto prima facie fondato il ricorso, stabilendo che l’amministrazione avrebbe dovuto verificare la capienza delle quote previste dal c.d. decreto flussi vigente al momento della domanda.

Rispetto a tale statuizione, la Questura di Macerata, nel provvedimento impugnato con i primi motivi aggiunti, ha evidenziato che presso lo Sportello Unico per l’Immigrazione non era pervenuta alcuna istanza di conversione da parte del sig. Xxx e che non esistono quote da assegnare per la conversione dei permessi di

soggiorno per lavoro stagionale.

4. Con l’atto di motivi aggiunti del 18/4/2012 il ricorrente ha evidenziato come il riesame fosse stato condotto prendendo a riferimento le quote esistenti nel mese di febbraio 2012 e non quelle esistenti al momento della domanda.

Con l’ordinanza n. 246/2012 il Tribunale ha mostrato di condividere le doglianze di parte ricorrente, tanto da specificare chiaramente come la verifica delle quote andasse effettuata “ora per allora”.

5. Da ultimo, la Questura ha confermato i precedenti dinieghi sulla base della nota della Prefettura di Macerata datata 19/6/2012 (depositata in giudizio dall’amministrazione in data 23/11/2012), nella quale si afferma che, pur esistendo alla data della domanda la disponibilità di quote per la conversione dei permessi stagionali, il ricorrente non potrebbe comunque usufruirne per non avere presentato tempestivamente la domanda presso il S.U.I. e per essere già scaduto il permesso di soggiorno per lavoro stagionale di cui era stata chiesta la conversione.

Con la documentazione allegata all’atto di motivi aggiunti del 13/2/2013 parte ricorrente ha provato che vi era capienza della quota con riguardo alla conversione dei permessi di soggiorno per lavoro stagionale, tanto è vero che la Direzione Provinciale del Lavoro di Macerata ha “restituito” al Ministero 6 quote (vedasi nota datata 12/3/2012 della citata DPL).

6. Ciò premesso, nel merito, il Collegio evidenzia che:

– come stabilito nell’ordinanza cautelare n. 246/2012, dalla domanda presentata dal ricorrente in data 22/6/2011 si poteva evincere che, in realtà, la stessa era finalizzata ad ottenere la conversione del permesso di soggiorno per lavoro stagionale. In effetti, alla pagina 1 del modulo 2 della domanda risulta barrata la casella n. 8 (che si riferisce al permesso di soggiorno per lavoro subordinato a tempo indeterminato) e non la casella n. 10 (che invece riguarda il permesso di soggiorno per lavoro stagionale);

– in base ad un principio generale del procedimento amministrativo, laddove l’amministrazione che ha ricevuto un’istanza di un cittadino non sia competente ad evadere la pratica, la stessa amministrazione è tenuta ad inviarla all’ufficio competente, tenendo informato di ciò il richiedente (e, laddove previsto, a fornire all’amministrazione competente il proprio contributo istruttorio). Al riguardo, la questione di competenza può anche emergere a seguito di una riqualificazione ex officio della domanda, operazione ermeneutica che rientra nelle facoltà di ciascuna amministrazione e che è sempre dovuta, salvo il caso in cui la domanda sia assolutamente incomprensibile o del tutto infondata;

– nel caso di specie, anche tenendo conto del fatto che nelle procedure relative al rilascio/rinnovo dei titoli di soggiorno in favore di cittadini extracomunitari si possono verificare disguidi del tipo di quello occorso al ricorrente (e questo perché esiste nel nostro ordinamento una variegata tipologia di permessi di soggiorno, alcuni dei quali peraltro convertibili), era onere della Questura intimata approfondire in contraddittorio con il ricorrente il contenuto dell’istanza ed eventualmente “girarla” al competente Sportello Unico per l’Immigrazione per gli adempimenti inerenti la conversione. Peraltro, alla luce del disposto dell’art. 38, ultimo comma, del DPR n. 394/1999, l’errore in cui è incorso il ricorrente è da ritenere scusabile;

– il Collegio, tuttavia, ben comprende le ragioni per le quali ciò non è accaduto, avendo la Questura interpretato ed applicato l’art. 24, comma 4, del T.U. n. 286/1998 in senso restrittivo. Al riguardo, questo Tribunale ha già dato conto della propria adesione all’orientamento giurisprudenziale secondo cui l’onere di far rientro al Paese di origine alla scadenza del permesso stagionale non rileva ai fini della conversione, ma solo ai fini della precedenza nell’ottenimento di successivi titoli stagionali (vedasi, ad esempio, la sentenza n. 747/2012). Non si vedono ragioni per dover modificare tale orientamento, tanto più che nel caso in esame il cittadino extracomunitario è più volte uscito dal T.N. alla scadenza del permesso temporaneo ed è successivamente rientrato in modo regolare per svolgere l’attività lavorativa stagionale (mostrando in tal modo di non aver mai voluto abusare del titolo stagionale in modo da precostituirsi una sorta di diritto ad ottenere la conversione in deroga alle quote previste nei decreti flussi).

7. Superato pertanto lo scoglio normativo, per il resto è del tutto evidente che la verifica circa la capienza della quota prevista dal c.d. decreto flussi vigente ratione temporis andasse effettuata “ora per allora” (come il Tribunale ha stabilito nella successiva ord. n. 246/2012), e ciò in ragione dell’effetto ripristinatorio ex tunc che consegue ad una sentenza che pronuncia l’annullamento di un provvedimento. Fra l’altro, nel caso di specie, essendo stato provato per tabulas che alla data di presentazione dell’istanza esistevano quote da destinare alla conversione dei permessi di soggiorno per lavoro stagionale e che tali quote non sono state nemmeno coperte per intero nella provincia di Macerata, al ricorrente non è nemmeno opponibile una irreversibile modificazione dello stato di fatto e di diritto che impedirebbe la soddisfazione in forma specifica del suo interesse ad ottenere la conversione del permesso di soggiorno. Qualsiasi altra conclusione confliggerebbe con il principio di proporzionalità dell’azione amministrativa, visto che l’accoglimento della domanda del ricorrente non pregiudica né eventuali terzi che in ipotesi dovessero vedersi privati della quota prevista dal decreto flussi di cui al DPCM 30/11/2010, né l’interesse pubblico ad una corretta regolazione dei flussi migratori.

8. In conclusione, il ricorso e i motivi aggiunti vanno accolti, con conseguente declaratoria del diritto del ricorrente ad ottenere la conversione del permesso di soggiorno per lavoro stagionale in permesso di soggiorno per lavoro subordinato “ordinario” (sempre che sussistano tutti gli altri requisiti di legge). […]

P.Q.M.

Il Tribunale Amministrativo Regionale per le Marche (Sezione Prima), efinitivamente pronunciando, accoglie il ricorso introduttivo e i motivi aggiunti […]

Così deciso in Ancona nella camera di consiglio del giorno 21 marzo 2013 […]

DEPOSITATA IN SEGRETERIA

Il 04/04/2013

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...