STRANIERI/Rinnovo permesso anche in presenza di condanne penali, se vi sono legami familiari anche senza ricongiungimento o coesione – Renewal of permission even in the presence of criminal convictions, if there are family ties even without reunification or cohesion

Cons. Stato, Sezione Terza, Sentenza del 24 aprile 2013, n. 2309

E’ fondato l’appello e, in riforma della sentenza impugnata, va annullato il provvedimento di rifiuto dell’istanza di rinnovo del permesso di soggiorno, per lavoro subordinato, assunto sulla base di una sentenza di condanna per tentato furto aggravato. Non sembra dubbio che, nel caso in esame (ricorrente entrato da piccolissimo in Italia e qui da sempre convivente con l’intero nucleo familiare), sussistessero i presupposti affinché la sua posizione venisse valutata non in base al semplice automatismo, in relazione alla condanna penale riportata a suo tempo, bensì discrezionalmente ed in una prospettiva di comparazione tra i contrapposti interessi, ai sensi dell’art. 5, comma 5, ultimo periodo, del D.Lgs. n. 286/1998. Ciò, in linea con la giurisprudenza di questa Sezione che è ormai orientata ad interpretare la predetta disposizione normativa, nel senso che la particolare considerazione che, in base all’ordinamento, spetta a chi abbia usufruito quale parte attiva o passiva di un ricongiungimento familiare, va logicamente estesa anche in favore dello straniero che abbia analoghe relazioni familiari ma non abbia avuto bisogno di esperire la procedura di ricongiungimento in quanto il nucleo familiare si trovi già unito ab origine o comunque si sia formato senza necessità di apposito procedimento.

 

ENG

It is based the appeal and, in the reform of the contested judgment should be annulled, the refusal of the request for renewal of the residence permit for employment, determined on the basis of a judgment of conviction for attempted aggravated theft. There seems no doubt that, in this case (the applicant entered as a baby in Italy and here forever living with the whole family), the conditions were satisfied that its views were not evaluated on the basis of simple automatism, in relation to criminal conviction reported at the time, but with discretion and in a comparative perspective between conflicting interests, pursuant to art. 5, paragraph 5, last sentence, of Legislative Decree no. N. 286/1998. This, in line with the case law of this Section that is now geared to interpret the above mentioned law, in the sense that the particular consideration that under the arrangement, it is up to who have been awarded as part of an active or passive family reunification, logically be extended in favor of the foreigner who has similar family relationships but did not need to bring the reunification procedure because the family is already joined the outset or whatever it is formed without the need for special proceedings.


FRE

Il est basé l’appel et, dans la réforme de l’arrêt attaqué doit être annulé, le refus de la demande de renouvellement du permis de séjour pour travail, déterminée sur la base d’un jugement de condamnation pour tentative de vol aggravé. Il ne semble pas douteux que, dans ce cas (le demandeur est entré comme un bébé en Italie et ici vivre éternellement avec toute la famille), les conditions étaient remplies que ses vues n’ont pas été évalués sur la base d’un simple automatisme, dans le cadre d’une condamnation pénale rapporté à l’époque, mais avec discrétion et dans une perspective comparative entre des intérêts contradictoires, conformément à l’art. 5, paragraphe 5, dernière phrase, du décret législatif n. N. 286/1998. Ceci, en ligne avec la jurisprudence de cette section qui est maintenant orientée à interpréter la loi mentionnée ci-dessus, en ce sens que l’examen particulier qu’en vertu de l’arrangement, c’est à qui ont été attribués dans le cadre d’un regroupement familial actif ou passif, logiquement être étendu en faveur de l’étranger qui a des liens familiaux similaires, mais n’ont pas besoin d’apporter la procédure de regroupement parce que la famille est déjà entré au début ou quoi que ce soit formé sans la nécessité d’une procédure spéciale.


ESP

Se basa la apelación y, en la reforma de la sentencia recurrida debe ser anulada, la denegación de la solicitud de renovación del permiso de residencia por trabajo, determinado sobre la base de una sentencia de condena por tentativa de robo calificado. No parece haber ninguna duda de que, en este caso (el solicitante entró como un bebé en Italia y aquí para siempre vivir con toda la familia), se cumplen las condiciones que sus opiniones no fueron evaluadas sobre la base de la simple automatismo, en relación con la condena penal informó en su momento, pero con discreción y en una perspectiva comparativa entre los intereses en conflicto, de conformidad con el art. 5, apartado 5, última frase, del Decreto Legislativo n º. N. 286/1998. Esto, de acuerdo con la jurisprudencia de esta Sección que ahora está orientado a interpretar la citada ley, en el sentido de que el examen particular, que en virtud del acuerdo, que depende de que se han concedido en el marco de la reunificación familiar activa o pasiva, lógicamente extenderse a favor del extranjero que tiene relaciones familiares similares, pero no era necesario para que el procedimiento de reagrupación porque la familia ya se incorporó el principio o lo que se forma sin la necesidad de procedimientos especiales.

———–

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Consiglio di Stato

in sede giurisdizionale (Sezione Terza)

ha pronunciato la presente

SENTENZA

[…]

per la riforma

della sentenza del T.A.R. PIEMONTE – TORINO […] concernente diniego rinnovo permesso di soggiorno […]

Ritenuto e considerato in fatto e diritto quanto segue.

FATTO e DIRITTO

1. L’appellante, cittadino marocchino entrato da bambino nel 1990 in Italia dove vive con genitori e le sorelle, aveva chiesto il rinnovo del permesso di soggiorno per motivi di lavoro subordinato.

La Questura di Torino […] ha rigettato l’istanza, a causa di una condanna (a due mesi e venti giorni, condizionalmente sospesa, emessa nei suoi confronti dal Tribunale di Torino in data 23 luglio 2005) per tentato furto aggravato, costituente presupposto ostativo ai sensi degli artt. 4, comma 3, e 5, comma 5, del d.lgs. 286/1998, in quanto reato rientrante nell’ambito di applicazione dell’art. 380 c.p.p..

2. Il TAR Piemonte, con la sentenza appellata […] ha respinto il ricorso, in particolare sottolineando la natura

automaticamente ostativa del reato, la circostanza che il ricorrente «non ha beneficiato del ricongiungimento familiare, ma, entrato clandestinamente in Italia, risulta unicamente coeso di fatto ai genitori» e quindi non poteva godere della più favorevole disciplina prevista ex art. 5, comma 5, del d.lgs. 286/1998, e che comunque il Questore aveva effettuato il bilanciamento tra le esigenze di tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica e quelli all’integrità del nucleo famigliare, previsto da detta ultima disposizione, dandone atto «seppur in maniera estremamente sintetica» nella parte motiva del diniego.

3. Nelle more del giudizio d’appello, il giudice di pace di Torino ha annullato l’espulsione per difetto di motivazione (sulle esigenze di pubblica sicurezza che prevalgono sull’integrità famigliare), ritenendo la posizione del ricorrente (entrato da piccolissimo in Italia e qui da sempre convivente con l’intero nucleo famigliare) assimilabile a quella dello straniero con ricongiungimento familiare.

4. Nell’appello, lo straniero ripropone le censure di omessa applicazione dell’art. 5, comma 5, del d.lgs. 286/1998 e dell’art. 17 della Direttiva 2003/86/CE, come interpretabili alla luce dei diritti fondamentali riconosciuti sulla base dell’art. 8 della CEDU, e di difetto di motivazione, essendo in realtà mancata ogni valutazione della pericolosità sociale ed ogni valutazione comparativa con la tutela dell’unità familiare.

5. L’appello è fondato.

Il diniego impugnato è sintetico e, nonostante gli elementi rappresentati dall’istante nel corso del procedimento, non affronta l’onere di individuare e comparare discrezionalmente gli interessi contrapposti, richiesta dall’art. 5, comma 5, ultimo periodo, del d.lgs. 286/1998 (nel testo risultante dal d.lgs. 5/2007), secondo cui «Nell’adottare il provvedimento di rifiuto del rilascio, di revoca o di diniego di rinnovo del permesso di soggiorno dello straniero che ha esercitato il diritto al ricongiungimento familiare ovvero del familiare ricongiunto, ai sensi dell’articolo29, si tiene anche conto della natura e della effettività dei vincoli familiari dell’interessato e dell’esistenza di legami familiari e sociali con il suo Paese d’origine, nonché, per lo straniero già presente sul territorio nazionale, anche della durata del suo soggiorno nel medesimo territorio nazionale».

Infatti, nel diniego impugnato si legge unicamente «considerato che la documentazione prodotta dall’interessato non è utile ad una favorevole definizione dell’istanza di soggiorno», e tale affermazione, generica se non addirittura di stile, non può certo costituire indice di qualsivoglia ponderazione di interessi, neanche interpretando nel senso più riduttivo possibile il divieto di motivazione postuma.

Ciò premesso, la giurisprudenza di questa Sezione è ormai orientata ad interpretare l’art. 5, comma 5, ultimo periodo, nel senso che la particolare considerazione che, in base alla disposizione, spetta a chi abbia usufruito (quale parte attiva o quale parte passiva) di un ricongiungimento familiare, va logicamente estesa anche in favore dello straniero che abbia analoghe relazioni familiari ma non abbia avuto bisogno di esperire la procedura di ricongiungimento in quanto il nucleo familiare si trovi già unito ab origine o comunque si sia formato senza necessità di un apposito procedimento (cfr. III, 25 settembre 2012, n. 5089; 5 settembre 2012, n. 4713).

Dunque, non sembra dubbio che, anche nel caso in esame, sussistessero i presupposti affinché la posizione dell’appellante venisse valutata (non in base al semplice automatismo, in relazione alla condanna penale riportata a suo tempo, bensì) discrezionalmente ed in una prospettiva di comparazione tra i contrapposti interessi, ai sensi dell’art. 5, comma 5, ultimo periodo, del d.lgs. 286/1998.

Ciò che, all’evidenza, non può in alcun modo ritenersi essere avvenuto.

6. Ne discende, in accoglimento del ricorso di primo grado, l’annullamento del diniego impugnato.

[…]

P.Q.M.

Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza), definitivamente pronunciando sull’appello, come in epigrafe proposto, accoglie l ‘appello e, per l’effetto, in riforma della sentenza appellata, accoglie il ricorso proposto in primo grado ed annulla il provvedimento con esso impugnato.

[…]

Così deciso in Roma nella camera di consiglio del giorno 29 gennaio 2013 […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...