CITTADINANZA/Il Ministero è obbligato a pronunciarsi entro novanta giorni sulla domanda di cittadinanza italiana, una volta riconosciuto il suo silenzio dopo i due anni previsti dalla legge – The Ministry is required to rule within ninety days on the application for Italian citizenship, once recognized its silence after the two years required by law

TAR Lazio, Sezione Seconda Quater, sentenza del 17 dicembre 2012, n. 10553

É accolto il ricorso con conseguente declaratoria dell’obbligo dell’Amministrazione intimata di pronunciarsi entro 90 giorni con un provvedimento espresso in ordine alla richiesta di cittadinanza italiana avanzata dal ricorrente. Alla stregua delle vigenti disposizioni normative, il Ministero dell’interno aveva l’obbligo di pronunciarsi entro il termine di 730 giorni dalla data di presentazione della domanda. Detto termine, nel caso di specie è inutilmente spirato, non essendo stata a tutt’oggi adottata alcuna pronuncia espressa da parte dell’Amministrazione.

ENG

The appeal is upheld, resulting in the declaration of the obligation for the Administration intimated to rule within 90 days with an explicit measure in order to request Italian citizenship advanced by the applicant. As with the current laws, the Ministry of the Interior was required to give a decision within 730 days from the date of submission of the application. That period, in this case is unnecessarily expired because it was not as yet taken any decision expressed by the Administration.

 

 

FRE

L’appel est maintenu, ce qui entraîne la déclaration de l’obligation pour l’administration de se prononcer laissé un délai de 90 jours avec une mesure explicite afin de demander la nationalité italienne avancé par la requérante. Comme avec les lois en vigueur, le ministère de l’Intérieur a été nécessaire pour rendre une décision dans 730 jours à partir de la date de dépôt de la demande. Cette période, dans ce cas, est inutilement expiré, car il n’était pas encore pris de décision exprimée par l’Administration.

 

 

ESP

La apelación es aceptada, dando lugar a la declaración de la obligación de la Administración dio a entender a gobernar dentro de los 90 días con una medida explícita para solicitar la ciudadanía italiana avanzado por el solicitante. Al igual que con las leyes vigentes, el Ministerio del Interior estaba obligado a darle una decisión dentro de 730 días a partir de la fecha de presentación de la solicitud. Este plazo, en este caso es innecesariamente expirado porque no había aún adoptado una decisión expresa de la Administración.

——————-

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio

(Sezione Seconda Quater)

ha pronunciato la presente

SENTENZA

[…]

per l’annullamento

silenzio-rifiuto sull’istanza di concessione della cittadinanza italiana ai sensi dell’art. 9 co. 1 lett. f) l. n. 91/92 – (art. 117 c.p.a.)

[…]

Il Sig. Xxx, premesso di essere regolarmente soggiornante in Italia da un decennio e di aver presentato in data 21.4.2010 alla Prefettura di Vicenza istanza per la concessione della cittadinanza italiana e di non aver avuto alcun riscontro da parte dell’Amministrazione, nonostante l’intervenuta scadenza del termine di 730 giorni previsto dall’art. 3 del d.p.r. n. 362/1994, agisce in giudizio per far dichiarare l’illegittimità del silenzio serbato dall’Amministrazione sull’istanza in questione ed ottenere la condanna all’adozione di un provvedimento espresso conclusivo del relativo procedimento ai sensi dell’articolo dall’art. 117 del D. Lgvo 2.7.2010, n. 104.

[…]

Il ricorso va accolto.

La legge 5.2.1992 n. 91, all’art. 9, individua le ipotesi in cui “La cittadinanza italiana può essere concessa con decreto del Presidente della Repubblica, sentito il Consiglio di Stato, su proposta del Ministro dell’Interno”.

Il citato D.P.R. n. 362/1994, con il quale è stato approvato il regolamento per la disciplina dei procedimenti di acquisto della cittadinanza italiana, all’art. 3, espressamente prevede che “Per quanto previsto dagli articoli 2 e 4 della legge 7 agosto 1990, n. 241, il termine per la definizione dei procedimenti di cui al presente regolamento è di settecentotrenta giorni dalla data di presentazione della domanda”.

A sua volta il D.M. 24.3.1995 n. 228 dispone che “La tabella A, allegata al D.M. 2 febbraio 1993, n. 284, del Ministro dell’interno di adozione del regolamento di attuazione degli articoli 2 e 4 della legge 7 agosto 1990, n. 241, riguardanti i termini di conclusione ed i responsabili dei procedimenti imputati alla competenza degli organi dell’Amministrazione centrale e periferica dell’interno, nella parte relativa ai procedimenti di competenza della divisione cittadinanza del servizio cittadinanza affari speciali e patrimoniali della Direzione generale per l’amministrazione generale e per gli affari del personale, è modificata nel senso che i termini finali per la definizione dei provvedimenti di conferimento e di concessione della cittadinanza italiana, di cui rispettivamente agli articoli 5 e 9 della legge 5 febbraio 1992, n. 91, sono fissati in settecentotrenta giorni in luogo di millenovantacinque giorni”.

Alla stregua delle predette disposizioni, pertanto, il Ministero dell’Interno aveva l’obbligo di pronunciarsi entro il richiamato termine di settecentotrenta giorni dalla data di presentazione della domanda. Detto termine, nella fattispecie in esame, è inutilmente spirato in data 21.4.2012, non essendo stata a tutt’oggi adottata nessuna pronuncia espressa da parte dell’amministrazione.

Il ricorso va pertanto accolto con conseguente declaratoria dell’obbligo del Ministero dell’Interno intimato di pronunciarsi con un provvedimento espresso in ordine alla richiesta di cittadinanza italiana presentata dal ricorrente entro il termine di 90 giorni dalla comunicazione o notificazione della presente sentenza.

[…]

P.Q.M.

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Seconda Quater), accoglie il ricorso in epigrafe nei sensi di cui in motivazione e, per l’effetto, ordina al Ministero dell’Interno di adottare una determinazione esplicita e conclusiva in ordine alla istanza in questione, entro il termine massimo di giorni 90 dalla comunicazione o notificazione della presente sentenza.

[…]

Così deciso in Roma nella camera di consiglio del giorno 29 novembre 2012 […]

DEPOSITATA IN SEGRETERIA

Il 17/12/2012

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...