STRANIERI/Il nulla osta al lavoro subordinato va concesso tenendo conto che la ditta datrice di lavoro è stata appena avviata, perciò occorre una valutazione più attenta riguardo al requisito reddituale della stessa – The Nula Osta for work is to be granted, taking into account that the company employer has just started, so you need a more careful evaluation concerning the condition of the income of the company

TAR Piemonte, Sezione Seconda, sentenza del 1° agosto 2012, n. 964

É illegittimo il diniego dell’istanza di nulla osta al lavoro subordinato, opposto al datore di lavoro ritenuto privo del requisito reddituale. Nel caso di specie non si è tenuto conto delle caratteristiche della ditta datrice di lavoro, appena avviata, e del conto economico provvisorio presentato dal ricorrente, che indicava, in attesa della dichiarazione dei redditi e dell’ulteriore sviluppo dell’attività, per il primo trimestre del 2011 già un reddito di oltre 11.000 euro. Tali elementi positivi, confermati dai dati successivi per i quali il reddito netto dell’impresa per l’intero 2011 si attestava sui 21.540,43 euro, avrebbero dovuto spingere l’Amministrazione ad approfondire la posizione del ricorrente e a motivare specificamente il provvedimento adottato con riferimento alle peculiarità del caso.

ENG

It is unlawful denial of the request for clearance to employment, as opposed to the employer considered to be devoid of the income requirement. In the present case was not taken into account the characteristics of the employing company, just started, and the income statement provisional submitted by the applicant, indicated that, pending the tax return and the further development of, for the first quarter of 2011 already an income of 11,000 euro. These positive elements, confirmed by subsequent data for which the firm’s net income for the full year 2011 stood on the 21,540.43 euro, should have led the Administration to investigate the position of the applicant and give specific reasons for the action taken with reference the peculiarities of the case.

 

FRE

Il est illégal le refus de la demande d’autorisation d’emploi, par opposition à l’employeur considéré comme dépourvu de la condition de revenu. En l’espèce n’a pas été pris en compte les caractéristiques de l’entreprise qui l’emploie, tout juste commencé, et le compte de résultat conservatoires présentée par le requérant, a indiqué que, dans l’attente de la déclaration de revenus et le développement, par le premier trimestre de 2011 a déjà un revenu de 11.000 euros. Ces éléments positifs, confirmés par les données suivantes pour lesquelles le bénéfice net de l’entreprise pour l’année 2011 s’élevaient sur les 21,540.43 euros, aurait dû conduire l’administration à enquêter sur la situation du demandeur et de donner les raisons concrètes pour l’action pris en référence les particularités de l’affaire.

 

ESP

Es ilegal la negación de la solicitud de autorización para el empleo, en comparación con el empleador considera que carece del requisito de ingresos. En el presente caso no se tuvo en cuenta las características de la empresa donde trabaja, acaba de comenzar, y la cuenta de resultados provisionales presentados por el solicitante, indicó que, en espera de la declaración de impuestos y un mayor desarrollo de, por primera trimestre de 2011 ya una renta de 11.000 euros. Estos elementos positivos, confirmados por datos posteriores para que el ingreso neto de la empresa durante el año 2011 se situó en los 21,540.43 euros, debería haber llevado a la Administración a examinar la situación del solicitante y dar razones específicas por las medidas adoptadas en relación con las particularidades del caso.

———-

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte

(Sezione Seconda)

ha pronunciato la presente

SENTENZA

[…]

per l’annullamento

del decreto … , notificato il 19.4.2011, con il quale lo Sportello Unico per l’Immigrazione presso la Prefettura di Alessandria ha disposto il rigetto dell’istanza di nulla osta al lavoro subordinato presentata dal sig. Xxx in favore del lavoratore extracomunitario Yyy

e per l’annullamento

degli atti tutti antecedenti, preordinati, consequenziali e comunque connessi del relativo procedimento e per ogni ulteriore statuizione.

[…]

Ritenuto e considerato in fatto e diritto quanto segue.

FATTO

Con ricorso notificato il 17.06.2011 il sig. Xxx ha chiesto al Tribunale di annullare, previa sospensione dell’efficacia, il decreto con il quale, l’11.04.2011, lo Sportello Unico per l’Immigrazione presso la Prefettura di Alessandria aveva rigettato la sua richiesta di nulla osta al lavoro subordinato presentata in favore del lavoratore extracomunitario Yyy.

Avverso l’atto impugnato il ricorrente ha dedotto: violazione di legge in relazione agli artt. 3 e 10 bis l.n. 241/1990, carenza ed erroneità della motivazione, violazione di norme interne, erronea applicazione della circolare del Ministero del Lavoro n. 55 del 28.07.2000, difetto di istruttoria.

[…]

DIRITTO

Con il ricorso in epigrafe il ricorrente, titolare di un Internet Point in Casale Monferrato, ha lamentato l’illegittimità del diniego di nulla osta al lavoro subordinato da lui richiesto per il cittadino extracomunitario Yyy motivato dall’Amministrazione in relazione alla pretesa insufficienza del reddito del datore di lavoro.

Avverso il provvedimento impugnato il ricorrente ha dedotto, in primo luogo, il difetto di istruttoria e di motivazione da parte della p.a. che, nel negare il nulla osta, non avrebbe in alcun modo tenuto conto del fatto che la sua attività di Internet Point, per la necessità di ottenere le autorizzazioni prescritte dalla legge, era stata concretamente avviata solo nel gennaio 2011, così da non poter raggiungere immediatamente, nei primi mesi del 2011, ma solo nel corso dell’intero anno, la soglia di reddito richiesta per l’assunzione di un lavoratore.

Tali censure sono fondate e devono essere accolte.

Lo Sportello Unico per l’Immigrazione presso la Prefettura di Alessandria nel caso di specie, appare aver giustificato il diniego di nulla osta solo con l’asserita insufficienza del reddito del richiedente, senza tener conto delle caratteristiche della ditta datrice di lavoro, appena avviata, e del conto economico provvisorio presentato dal ricorrente, che indicava, in attesa della dichiarazione dei redditi e dell’ulteriore sviluppo dell’attività, per il primo trimestre del 2011 già un reddito di oltre € 11.000.

Tali elementi positivi, confermati dai dati successivi per i quali il reddito netto dell’impresa per tutto il 2011 risulta di € 21.540,43 (cfr. doc. n. 4 del ricorrente), avrebbero dovuto spingere l’Amministrazione ad approfondire la posizione del richiedente e a motivare specificamente il provvedimento adottato con riferimento alle peculiarità del caso (impresa appena avviata con reddito, in prospettiva, astrattamente sufficiente a sostenere l’assunzione di un lavoratore extracomunitario).

Alla luce delle argomentazioni che precedono, il ricorso deve essere, dunque, accolto, con conseguente annullamento dell’atto impugnato ed assorbimento di ogni altra censura, salvo il potere dell’Amministrazione di provvedere nuovamente in considerazione di tutte le circostanze del caso.

[…]

P.Q.M.

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) definitivamente pronunciando,

– accoglie il ricorso e, per l’effetto, annulla il provvedimento impugnato;

[…]

Così deciso in Torino nella camera di consiglio del giorno 3 luglio 2012 […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...