STRANIERI/Se l’omosessualità è punita con la reclusione nel Paese di origine, lo straniero ha diritto alla protezione internazionale – If homosexuality is punishable by imprisonment in the country of origin, the alien is entitled to international protection

Cassazione Civile, Sezione Sesta, ordinanza del 20 settembre 2012, n. 15981

Contrariamente a quanto ha fatto la Corte di appello, va riconosciuto che la sanzione penale degli atti omosessuali di cui all’art. 319 del codice penale senegalese costituisce di per sé una condizione generale di privazione del diritto fondamentale di vivere liberamente la propria vita sessuale ed affettiva. Per conseguenza le persone di orientamento omosessuale sono costrette a violare la legge penale del Senegal e a esporsi a gravi sanzioni per poter vivere liberamente la propria sessualità. Ciò costituisce una grave ingerenza nella vita privata dei cittadini senegalesi omosessuali che compromette grandemente la loro libertà personale. Tale violazione di un diritto fondamentale, sancito dalla Costituzione, dalla C.E.D.U. e dalla Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea, vincolante in questa materia, si riflette, automaticamente, sulla condizione individuale delle persone omosessuali ponendole in una situazione oggettiva di persecuzione tale da giustificare la concessione della protezione richiesta.

ENG

Contrary to what did the Court of Appeal, it should be recognized that the penalty for homosexual acts in art. 319 of the Penal Code of Senegal is in itself a general condition of deprivation of the fundamental right to live freely their sex lives and affective. As a result the people of homosexual orientation are forced to violate the criminal law of Senegal and to be subject to severe penalties in order to live their sexuality freely. This constitutes a serious interference in the private lives of homosexuals Senegalese citizens who greatly compromises their personal freedom. Such a violation of a fundamental right, enshrined in the Constitution, the ECHR and the Charter of Fundamental Rights of the European Union, which is binding in this matter, is reflected automatically on the individual condition of homosexual persons by placing them in an objective situation of persecution such as to justify the granting of the protection sought.

FRE

Contrairement à ce que fait la Cour d’appel, il faut reconnaître que la peine pour les actes homosexuels dans l’art. 319 du Code pénal du Sénégal est en soi une condition générale de la privation du droit fondamental de vivre librement leur vie sexuelle et affective. En conséquence, les personnes d’orientation homosexuelle sont obligés d’enfreindre la loi pénale du Sénégal et de faire l’objet de sanctions sévères pour vivre leur sexualité librement. Ceci constitue une grave ingérence dans la vie privée des citoyens homosexuels sénégalais qui compromet grandement leur liberté personnelle. Une telle violation d’un droit fondamental, inscrit dans la Constitution, la CEDH et la Charte des droits fondamentaux de l’Union européenne, qui est obligatoire dans cette affaire, se reflète automatiquement sur l’état individuel des personnes homosexuelles en les plaçant dans une situation objective de persécution de nature à justifier l’octroi de la protection demandée.

ESP

Contrariamente a lo que hizo el Tribunal de Apelaciones, se debe reconocer que el castigo por actos homosexuales en el arte. 319 del Código Penal del Senegal es en sí misma una condición general de la privación del derecho fundamental a vivir libremente su vida sexual y afectiva. Como resultado, las personas de orientación homosexual se ven obligados a infringir la ley penal del Senegal y de ser sujeto a sanciones severas para vivir su sexualidad con libertad. Esto constituye una grave injerencia en la vida privada de los ciudadanos homosexuales senegaleses que compromete en gran medida su libertad personal. Tal violación de un derecho fundamental, consagrado en la Constitución, el TEDH y la Carta de los Derechos Fundamentales de la Unión Europea, que es vinculante en esta materia, se refleja automáticamente en la condición individual de las personas homosexuales, colocándolos en una situación objetiva de persecución tal que justifique la concesión de la protección solicitada.

———–

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE – 1

[…]

ha pronunciato la seguente

ORDINANZA

[…]

avverso la sentenza della Corte d’appello di Trieste emessa il 14 giugno 2011 e depositata il 25 agosto 2011 […];

Rilevato che:

1. Con ricorso del 15 aprile 2010 Xxx, cittadino senegalese, ha chiesto al Tribunale di Trieste il riconoscimento dello status di rifugiato politico o, in subordine, la concessione della protezione sussidiaria o del permesso di soggiorno. Ha affermato di essere omosessuale e di non poter vivere liberamente tale condizione nel proprio paese di origine – che punisce come reato l’omosessualità – anche a causa dell’ostilità dell’ambiente familiare e sociale;

2. Il Tribunale di Trieste con sentenza del 25 ottobre 2010 – 9 febbraio 2011 ha respinto il ricorso e la Corte di appello di Trieste ha respinto il reclamo avverso la sentenza di primo grado.

3. Nella motivazione della sentenza la Corte di appello ha affermato che la circostanza per cui l’omosessualità è considerata un reato dall’ordinamento giuridico del Senegal è irrilevante ai fini del riconoscimento della protezione perchè non è possibile “inferire la situazione individuale di perseguitato da quella generale di un paese (Cass. Civ. 26822/2007)“. Ha affermato inoltre la Corte territoriale che quand’anche risultasse provata l’omosessualità del ricorrente non potrebbe comunque ritenersi, sulla base delle circostanze riferite nel ricorso, che egli sia stato oggetto di specifici e concreti atti di violenza e minacce ad opera delle autorità dello Stato del Senegal tali da costringerlo ad allontanarsi dal suo paese. Nè potrebbe ritenersi – secondo la sentenza impugnata – che simili atti persecutori siano stati perpetrati da gruppi di potere che trovino legittimazione da parte dello Stato o siano comunque in grado di influenzarne la condotta sul piano dell’ordine pubblico e della sicurezza. Secondo la Corte, quello che, in base alle deduzioni del ricorrente, può ritenersi è “che lo stesso sia stato maltrattato dai propri familiari i quali non accettavano che egli fosse omosessuale” ma ciò non è sicuramente sufficiente, a giudizio della Corte di appello, per la concessione della protezione richiesta;

4. Ricorre per cassazione Xxx con due motivi di impugnazione con i quali deduce violazione e/o falsa applicazione dell’art. 3 del decreto legislativo n. 251 del 19 novembre 2007 e dell’art. 8 del decreto legislativo n. 25 del 28 gennaio 2008 (art. 360 n. 3 c.p.c.) e omessa, insufficiente e/o contraddittoria motivazione circa fatti e/o questioni controverse e decisive ai fini del giudizio (art. 360 n. 5 c.p.c.). Con il primo motivo il ricorrente censura la sentenza impugnata per non aver valutato adeguatamente le prove richieste che avrebbero condotto a confermare gli assunti del ricorrente e per non aver attivato i poteri officiosi necessari a una adeguata conoscenza della situazione legislativa e sociale del paese di provenienza del ricorrente, con ciò violando il criterio direttivo della legislazione comunitaria e italiana in materia di istruzione ed esame delle domande di protezione internazionale. Con il secondo motivo il ricorrente rileva che la Corte di appello ha errato nel ritenere, con un argomento palesemente e insanabilmente illogico, non desumibile la condizione individuale di perseguitato dalla condizione generale del paese di provenienza, dato che la repressione penale della omosessualità comporta necessariamente l’impedimento a tutti i cittadini omosessuali di vivere liberamente la propria vita sessuale e affettiva e quindi integra la privazione di un diritto fondamentale;

Ritenuto che:

5. Entrambi i motivi di ricorso sono fondati. Quanto al secondo, che appare logicamente pregiudiziale all’esame del primo, va riconosciuto, contrariamente a quanto ha fatto la Corte di appello, che la sanzione penale degli atti omosessuali di cui all’art. 319 del codice penale senegalese costituisce di per sè una condizione generale di privazione del diritto fondamentale di vivere liberamente la propria vita sessuale ed affettiva. Sul punto questa Corte si è già espressa con la sentenza n. 16417/2007, pronunciata su analoga richiesta di protezione internazionale di un cittadino senegalese, laddove si è chiarito che per persecuzione deve intendersi una forma di lotta radicale contro una minoranza che può anche essere attuata sul piano giuridico e specificamente con la semplice previsione del comportamento che si intende contrastare come reato punibile con la reclusione. Dispone la citata disposizione del codice penale senegalese che: “Sans préjudice des peines plus graves prévues par les alinéas qui précédent ou par les articles 320 et 321 du présent Code, sera puni d’un emprisonnement d’un à cinq ans et d’une amende de 100.000 à 1.500.000 francs, quiconque aura commis un acte impudique ou contre nature avec un individu de son sexe. Si l’acte a été commis avec un mineur de 21 ans, le maximum de la peine sera toujours prononcé“. Per conseguenza le persone di orientamento omosessuale sono costrette a violare la legge penale del Senegal e a esporsi a gravi sanzioni per poter vivere liberamente la propria sessualità. Ciò costituisce una grave ingerenza nella vita privata dei cittadini senegalesi omosessuali che compromette grandemente la loro libertà personale.

Tale violazione di un diritto fondamentale, sancito dalla nostra Costituzione, dalla C.E.D.U. e dalla Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea, vincolante in questa materia, si riflette, automaticamente, sulla condizione individuale delle persone omosessuali ponendole in una situazione oggettiva di persecuzione tale da giustificare la concessione della protezione richiesta;

6. Quanto al secondo motivo deve rilevarsi che la Corte di appello ha espresso un convincimento sulla reale condizione di omosessualità del ricorrente non basato su un compiuto svolgimento dell’istruttoria, dato che questi aveva chiesto di provare, attraverso la deposizione del suo compagno, di essere omosessuale, al fine di escludere qualsiasi strumentalità o abusività della sua richiesta di protezione internazionale. La Corte di appello ha però ritenuto irrilevante tale prova in conseguenza dell’erronea valutazione delle conseguenze della sanzione penale contenuta nel codice senegalese. Inoltre, la Corte di appello ha ignorato completamente la situazione sociale del paese, per ciò che concerne l’omofobia e i gravi atti discriminatori e persecutori contro gli omosessuali denunciati dai mezzi di informazione e da siti istituzionali e di organizzazioni non governative;

7. Il ricorso va pertanto accolto e la causa rimessa alla Corte di appello di Trieste perchè acquisisca le prove necessarie al fine di acclarare o meno la condizione di omosessualità del ricorrente e di accertare quale sia l’attuale situazione legislativa e la condizione degli omosessuali nella società senegalese, nel rispetto del criterio direttivo della legislazione comunitaria e italiana in materia di istruzione ed esame delle domande di protezione internazionale (Cass. Civ. S.U. n. 27310 del 17 novembre 2008);

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso cassa la sentenza impugnata e rinvia anche per la decisione sulle spese del giudizio di cassazione alla Corte di appello di Trieste in diversa composizione;

Così deciso in Roma nella camera di consiglio 29 maggio 2012.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...