STRANIERI/Nulla l’espulsione se il decreto è notificato in copia non conforme all’originale – It is invalid the deportation if the order is notified with copy that does not conform to the original document

Giudice di pace de L’Aquila, Sezione Volontaria Giurisdizione, ordinanza del 18 aprile 2012

In accoglimento del ricorso di parte, devesi dichiarare nullo ed inefficace il decreto di espulsione consegnato in copia all’espellendo, privo dell’attestazione di conformità all’originale. Al riguardo, non può non richiamarsi l’orientamento ormai consolidato della Corte di cassazione, in tema di requisiti di validità dell’atto espulsivo del Prefetto, che è costante nel ritenere, sussistente, il radicale vizio di nullità dell’espulsione, per difetto della sua necessaria formalità comunicatoria, tutte le volte in cui all’espellendo venga comunicata una mera copia libera o informale dell’atto perché non sottoscritta dal Prefetto ovvero non recante attestazione di conformità all’originale.

ENG

In allowing the appeal in part, distinction should be declared null and void the deportation order handed a copy to the person to be expelled, without attestation of conformity with the original. In this regard, it can only refer the consolidated guidance of the Supreme Court, in relation to the requirements of validity of the expulsion of the Prefect, which is constant in the view that there is radical vice of nullity expulsion, for lack of its necessary formality of communication, all the times that the person to be expelled, is communicated to a mere copy free or informal the act because it signed by the Prefect, that is not bearing certificate of conformity with the original.

FRE

En accueillant l’appel en partie, la distinction doit être déclarée nulle et non avenue l’ordonnance d’expulsion remis une copie à la personne à expulser, sans attestation de conformité à l’original. À cet égard, il ne peut s’agir des orientations consolidées de la Cour suprême, en ce qui concerne les conditions de validité de l’expulsion du préfet, qui est constante dans l’opinion selon laquelle il est vice radical de l’expulsion nullité, faute de sa nécessaire formalité de communication, toutes les fois que la personne à être expulsés, est communiquée à une simple copie gratuite ou informel de l’acte, car il signé par le préfet, qui n’est pas portant certificat de conformité à l’original.

ESP

Al admitir la apelación, en parte, la distinción debe ser declarada nula y sin efecto la orden de deportación entregó una copia a la persona a ser expulsado, sin certificación de la conformidad con el original. En este sentido, sólo puede remitir la orientación refundida de la Corte Suprema de Justicia, en relación con los requisitos de validez de la expulsión del Prefecto, que es constante en la opinión de que existe el vicio radical de la expulsión de nulidad, por falta de la necesaria formalidad de la comunicación, todas las veces que la persona a ser expulsados, se comunica a una mera copia gratuita o informal, ya que el acto firmado por el Prefecto, que no es teniendo certificado de conformidad con el original.

———

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

IL GIUDICE DI PACE DI L’AQUILA

[…] ha emesso la seguente

ORDINANZA

nel giudizio di opposizione a decreto di espilsione promosso con ricorso ex art. 13, comma 8 D.Lgs. 286/98 […]

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con ricorso depositato in data 17/1/2012, Xxx proponeva opposizione avverso il decreto di espulsione, emesso dal Prefetto di L’Aquila in data 13/1/2012 e notificato in pari data, con il quale si decretava l’espulsione del ricorrente, sprovvisto di passaporto, tenuto conto che lo stesso “è entrato nel territorio italiano eludendo i relativi controlli, non ha fornito un documento utile all’espatrio in corso di validità; è da ritenersi a rischio fuga, ossia ricorre il pericolo che egli possa sottrarsi al rimpatrio qualora venisse concesso un termine per la partenza volontaria; non ha la disponibilità di un alloggio stabile non precario ove possa essere rintracciato senza difficoltà…“.

Assumeva il ricorrente che l’atto impugnato era viziato per mancanza di sottoscrizione valida e per difetto di motivazione del provvedimento di espulsione. Eccepiva, inoltre, l’illegittimità dell’atto per nullità e/o inesistenza giuridica del medesimo. […]

MOTIVI DELLA DECISIONE

Il ricorso è fondato, per quanto di ragione, e, pertanto, è meritevole di accoglimento. Ritiene il Giudice che, assolutamente fondata l’assorbente censura contenuta nel motivo C) del ricorso ed in tale decisione restando assorbita la cognizione degli altri motivi, il decreto di espulsione impugnato debba essere annullato. In punto di fatto, e come acclarato senza alcun margine di dubbio dallo stesso decreto impugnato, emerge che la copia consegnata in data 13/1/2012 al ricorrente non contiene alcuna attestazione di conformità all’originale. In punto di diritto occorre sottolineare che l’orientamento della Suprema Corte, in tema di requisiti di validità dell’atto espulsivo del Prefetto, è costante nel ritenere che sussiste il radicale vizio di nullità dell’espulsione, per difetto della sua necessaria formalità comunicatoria, tutte le volte in cui all’espellendo venga comunicata una mera copia libera o informale dell’atto perchè non sottoscritta dal Prefetto ovvero non recante attestazione di conformità all’originale. È stato precisato, sempre dalla Suprema Corte, che ben può l’Amministrazione, che abbia trasmesso all’espellendo un atto viziato dall’assenza di dichiarazione di conformità, correggere, in sede di autotutela, l’errore commesso, ritirando l’atto e reiterando la comunicazione con tempestiva trasmissione di nuova copia con corretta formula di conformità. In tal caso tanto l’esecuzione dell’espulsione quanto il termine ad opponendum decorrerebbero dalla nuova e valida comunicazione dell’atto (Cass. Civ. n. 17960/04; Cass. Civ. 17857/02; Cass. Civ. n. 13871/01). Nel caso di specie, tuttavia, ciò non è avvenuto e, pertanto, l’atto impugnato affetto da vizio di nullità non è stato sanato e ne consegue la nullità dello stesso. […]

P.Q.M.

Il Giudice di Pace, dato atto, definitivamente pronunziando nella causa promossa da Xxx nei confronti dell’U.T.G. di L’Aquila, così provvede:

– accoglie la domanda e, per l’effetto, dichiara nullo ed inefficace il decreto di espulsione impugnato emesso nei confronti del cittadino marocchino Xxx;

[…]

L’Aquila, lì 16 aprile 2012.

2 pensieri su “STRANIERI/Nulla l’espulsione se il decreto è notificato in copia non conforme all’originale – It is invalid the deportation if the order is notified with copy that does not conform to the original document

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...