PROTEZIONE INTERNAZIONALE/Protezione internazionale anche al lavoratore non libico che lavora in Libia da anni – International protection, even to the not-Libyan worker who works in Libya for years

Corte di appello di Cagliari, Prima Sezione Civile, ordinanza del 31 maggio 2012

 

E’ sospesa l’efficacia esecutiva della sentenza impugnata, che ha confermato il diniego della Commissione territoriale. Non risulta, manifestamente infondata, l’equiparazione fra cittadini libici e coloro che, pur non libici, vivevano stabilmente da anni in detto luogo.

ENG
The enforceability of the judgment under appeal, which upheld the denial of the Territorial Commission adjourned. The equation of Libyan nationals and those who, although not Libyans, were living permanently in that place for years, is not manifestly unfounded.

FRE
Le caractère exécutoire de l’arrêt attaqué, qui a confirmé le refus de la Commission territoriale ajournée. L’équation de ressortissants libyens et ceux qui, bien que n’étant pas les Libyens, vivaient en permanence dans ce lieu depuis des années, il n’est pas manifestement infondée.

ESP
La ejecución de la sentencia recurrida, que confirmó la denegación de la Comisión Territorial levanta la sesión. La ecuación de ciudadanos libios y los que, aunque no libios, vivían de forma permanente en ese lugar desde hace años, no es manifiestamente infundada.

 

 

REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
LA CORTE D’APPELLO DI CAGLIARI
PRIMA SEZIONE CIVILE
[…]
ORDINANZA
[…]

Sull’istamza di sospensione dell’efficacia esecutiva della sentenza del Tribunale di Cagliari […] con  la quale è stata rigettata la domanda di protezione internazionale e di permesso per motivi umanitari presentata da Xxx, istanza di cui il Procuratore Generale domanda l’accoglimento;
La Corte ritiene che sussistano i presupposti richiesti dall’art. 32 comma XII D.Lgs. n. 25/2008 nella formulazione previgente il D. Lgs. n. 150/2011, che continua ad applicarsi ad esso in quanto procedimento già pendente (dal 26 luglio 2011) all’entrata in vigore del menzionato decreto n. 150/2011 (5 ottobre 2011).
Ed, infatti, il reclamante ha allegato di provenire dalla Libia, a seguito di trasferimento dal proprio paese d’origine Guinea Bissau, poverissimo, e di aver risieduto in Libia dal 2005 svolgendovi attività lavorativa.
Il paese di ultima provenienza è stato notoriamente attraversato da guerra civile e non è ancora del tutto pacificato. Non risulta, poi, allo stato, caratterizzato da un esame solo sommario, manifestamente infondata l’equiparazione fra cittadini libici e coloro che, pur non libici, vivevano stabilmente da anni in detto luogo.
P.Q.M.
La Corte d’appello
a) Sospende l’efficacia esecutiva della sentenza impugnata;
[…]
Così deciso nella camera di consiglio della Corte d’appello di Cagliari il 18 maggio 2012.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...