LAVORO/Se il lavoratore attesta false trasferte di lavoro, licenziamento legittimo e con giusta causa

Cassazione Civile, Sezione Lavoro, sentenza del 9 maggio 2012, n. 7096

 

Un funzionario di banca richiede, ed ottiene, rimborsi per trasferte mai effettuate, in circa cinque mesi; la banca datrice di lavoro accerta la falsificazione a seguito di indagini, all’esito delle quali procede alla formulazione degli addebiti e all’ intimazione del licenziamento disciplinare.
In primo luogo, il requisito dell’immediatezza della contestazione va intenso in senso relativo, potendo in concreto essere compatibile con un intervallo di tempo più o meno ampio quando l’accertamento e la valutazione dei fatti contestati, ovvero la complessità della struttura organizzativa dell’impresa, richieda uno spazio temporale più ampio tale da far slittare, rispetto al verificarsi dei fatti, il provvedimento di recesso.
Sul concetto di giusta causa, perchè si possa parlare di proporzionalità tra addebito e recesso, ciò che rileva è ogni condotta che, per la sua gravità, scuota sensibilmente la fiducia del datore di lavoro, e fa ritenere la continuazione del rapporto pregiudizievole agli scopi aziendali.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...